Ieri contestazioni feroci per Jordan Veretout nel ritiro viola. Il Milan può approfittare della situazione alzando l’offerta

Jordan Veretout
Jordan Veretout (©Getty Images)

Sarà un’estate piena di emozioni quella di Jordan Veretout, centrocampista classe ’93 della Fiorentina che si è ritrovato improvvisamente ad essere il mediano più ambito del campionato di Serie A assieme al cagliaritano Barella.

Tanti i capitoli già scritti sulla sua vicenda professionale, anche se per il momento Veretout resta a Firenze. Seppur controvoglia, visto che il calciatore 26enne ha già fatto sapere di volersene andare. Una volontà che non è piaciuta a molti tifosi viola, i quali ieri durante il primo giorno di ritiro estivo a Moena si sono scagliati contro lo stesso Veretout, accusato di essere un ‘buffone’ per via della sua scelta presa da giorni.

Gazzetta dello Sport, Corsport, Tuttosport: prime pagine del 7 luglio 2019

Fiorentina-Veretout, ormai è divorzio. Ora tocca al Milan alzare l’offerta

Come scrive oggi la Gazzetta dello Sport la giornata nera di Veretout a Moena si è conclusa con una botta alla caviglia durante la prima sgambata in alta montagna, degno finale di un sabato molto teso.

Ma a livello di mercato si segnala l’affondo tentato dal Milan, che dopo Bennacer e Krunic vorrebbe proprio il francese per completare il reparto mediano. I rossoneri avrebbero alzato la posta, proponendo 15 milioni di euro più il cartellino di Lucas Biglia, calciatore molto apprezzato dalla Fiorentina. I viola continuano a chiedere 25 milioni cash per Veretout ma si registrano segnali di apertura vista la rottura tra il mediano e l’ambiente.

Il Milan prova così a superare la concorrenza del Napoli, che può utilizzare la carta Ounas per cercare di convincere il d.s. Pradè, oppure della Roma che invece inserirebbe il cartellino di Defrel. Una cosa è certa: Veretout dirà presto addio a Firenze, ma la prossima destinazione dipenderà dall’offerta migliore.

Theo Hernandez: “Sogno di vincere col Milan. San Siro? Un inferno”

Keivan Karimi – Redazione MilanLive.it