Sportmediaset – Milan, spuntano due pretendenti per Borini

Fabio Borini è uno dei possibili partenti in casa Milan. Il jolly offensivo classe ’91 piace a due club stranieri pronti a fare un’offerta

Fabio Borini in Milan-Empoli
Fabio Borini in Milan-Empoli (©Getty Images)

Acquistare ma anche sfoltire il più possibile la rosa dai cosiddetti esuberi. Questo l’obiettivo del calciomercato Milan durante la sessione estiva e quello che sarà l’ultimo mese di trattative.

Tra i possibili partenti spunta anche Fabio Borini, calciatore 28enne che lo scorso anno ha svolto il ruolo di vero e proprio jolly offensivo: l’ex Roma e Liverpool infatti è stato schierato dall’ex allenatore Rino Gattuso come alternativa primaria nel tridente d’attacco ma all’occorrenza anche in posizioni più arretrate. Inoltre l’attuale mister Marco Giampaolo lo sta provando da mezzala di centrocampo, non proprio un ruolo ideale per lui.

Rafael Leao, il patron del Lille: “Partirà, quattro italiane interessate”

Borini in partenza dal Milan: due club stranieri interessati a lui

Borini dunque è considerato una sorta di calciatore sacrificabile dalla rosa del Milan, sia perché non c’è un posto preciso per lui, sia perché non sembrano mancare le proposte per un elemento duttile ed esperto come l’attaccante nativo di Bologna.

Il numero 11 rossonero, secondo le ultime della redazione di Sportmediaset, sarebbe stato sondato recentemente da due club stranieri: il Bordeaux e il Newcastle si sarebbero fatte vive per chiedere informazioni su Borini, che come detto non verrà trattenuto dal Milan, anzi, ogni proposta per il calciatore in questione sarà analizzata con piacere.

I ‘girondini’ di Francia hanno un buon legame di mercato con il Milan, avendo già a gennaio strappato Raoul Bellanova ai rossoneri mentre un approdo di Borini ai ‘Magpies’ rappresenterebbe un ritorno in Premier League per il calciatore italiano che ha militato in Inghilterra in passato indossando le maglie di Chelsea (giovanili), Swansea, Liverpool e Sunderland.

Sportmediaset – Milan-Correa, niente follie: alternative Leao e Keita