Milan, è fatta per Duarte: sarà già oggi in Italia?

Milan, è fatta per Léo Duarte del Flamengo. Il giocatore, non convocato per l’ultima partita, potrebbe arrivare già oggi in Italia

leo duarte
Leo Duarte e Jhojan Julio (©Getty Images)

Léo Duarte è praticamente un nuovo giocatore del Milan, tutto confermato. Dopo una lunga ricerca, alla fine sarà il 23enne brasiliano il nuovo difensore centrale richiesto da Marco Giampaolo.

Come riferisce La Gazzetta dello Sport oggi in edicola, l’affare è stato chiuso sulla base di 10 milioni di euro e il giocatore già oggi potrebbe arrivare a Milano per sostenere le visite mediche. Ha già svuotato l’armadietto e ha salutato tutti, e infatti non è stato nemmeno convocato per la gara interna contro il Botafogo valida per la 12a giornata del Brasileirão.

Calciomercato Milan, contratto quinquennale per Duarte

Titolare nella formazione carioca nel centrodestra della difesa, ha giocato con Lucas Paquetá che conosce molto bene, e probabilmente anche questo ha inciso nella decisione. E i rapporti tra Milan e Flamengo, nel frattempo, si sono rafforzati parecchio dopo l’affare dello scorso gennaio. Ma non finisce qui: Serginho, ex milanista, ha lavorato nella trattativa come mediatore. Tutti dettagli che hanno reso più veloce la trattativa.

Un affare low cost per la società rossonera, che si sposa perfettamente con le esigenze del momento considerando un budget ristretto e ancora tanto da fare sul fronte mercato. Una volta giunto in Italia per i test medici, il giocatore, pronto a firmare un contratto quinquennale, tornerà a volare sull’Oceano Atlantico per raggiungere la squadra nella torunée degli Stati Uniti.

Difesa Milan, ecco le gerarchie

Metterà a disposizione di Giampaolo la sua forza fisica e la sua reattività: alto un metro e 83, dovrà abituarsi alla concorrenza interna, la stessa che ha battuto negli ultimi tempi al Flamengo diventando poi titolare nella formazione del portoghese Jorge Jesus.

La scalata tuttavia sarà lunga. Inizialmente, infatti, sarà il ‘terzo e mezzo’ nelle gerarchie, ossia dietro Alessio Romagnoli e Mateo Musacchio e in attesa di Mattia Caldara. Ma una volta che l’ex Atalanta avrà recuperato, presumibilmente verso novembre, scalerà quarto a meno di sorprendenti exploit.

 

Chi è Léo Duarte, il ‘mastino’ in arrivo da Rio 

Redazione MilanLive.it