Cerezo (pres. Atletico Madrid): “Rosa chiusa”. Bloccato Correa?

Angel Correa sempre più nel mirino del Milan. Il presidente dell’Atletico Madrid, Enrique Cerezo, ha parlato della rosa Colchoneros tra entrate ed uscite.

Angel Correa
Angel Correa (©Getty Images)

Il Milan è sempre fortemente interessato ad Angel Correa. L’operazione pare slegata dalla cessione André Silva, anche se il non trasferimento del portoghese al Monaco ha rallenato la trattativa con l’Atletico Madrid per l’argentino.

Proprio il presidente dei Colchoneros ha parlato della rosa della propria squadra tra entrate ed uscite. Il riferimento era generale anche se, la domanda dei colleghi di Radio Kiss Kiss, era nello specifiso all’acquisto di James Rodriguez da parte del club spagnolo.

Proprio il fantasista colombiano è stato a lungo vicino al Napoli, poi l’Atletico è entrato di prepotenza anche se ancora nulla è stato concretizzato tra i due club madrileni: ricordiamo infatti che il proprietario del cartellino di Rodriguez è il Real Madrid, eterni rivali cittadini dei Colchoneros.

Atletico Madrid, Cerezo: “La rosa è chiusa”

Così Cerezo ha spiegato le idee dell’Atletico Madrid sul mercato da fare da qui alle prossime settimane: “Siamo già forti e siamo pronti per affrontare le coppe europee, la Liga e le altre competizioni che ci attendono nel corso della stagione alle porte”.

Poi però aggiusta il tiro: “Certo, nel calcio non si può sapere cosa riserverà il domani ma ripeto che la rosa dell’Atletico Madrid è oggi chiusa e che siamo forti già così”.

Correa-Milan: settimana decisiva!

Da tempo si parla dell’interesse del Milan per Correa. E da domani potrebbe essere la settimana decisiva per chiudere il trasferimento dell’argentino in rossonero.

Un principio di accordo Milan-Correa è già stato trovato giorni fa, dopo l’incontro tra la dirigenza rossonera in via Aldo Rossi e l’agente Augustin Jimenez.

Però manca ancora l’intesa con l’Atletico: la differenza da colmare è di 10 milioni di euro, visto che il Milan offre 40 milioni mentre gli spagnoli non hanno intenzione di scendere sotto i 50 milioni.