Home Milan News Milan, la sfida di Bennacer: diventare titolare. Si parte oggi

Milan, la sfida di Bennacer: diventare titolare. Si parte oggi

Milan, è il giorno di Ismael Bennacer: primo allenamento oggi per il neo acquisto rossonero. Il suo compito sarà scalzare Lucas Biglia e diventare il faro rossonero 

Ismael Bennacer
Ismael Bennacer (foto ACMilan.com)

Milan, ecco Ismael Bennacer. Dopo le visite mediche dello scorso 22 luglio e la firma del 4 agosto, inizierà effettivamente oggi l’avventura in rossonero del 21 algerino.

Come infatti riporta Tuttosport oggi in edicola, terminate le vacanze post Coppa d’Africa, l’ex Empoli, nuovo play-maker di Marco Giampaolo, è pronto a mettersi a disposizione del suo nuovo allenatore ed entrare negli schemi milanisti.

La sfida di Bennacer: scalzare Biglia

E avrà un compito arduo sin da subito: diventare il titolare della regia milanista. Una posizione che da Andrea Pirlo in poi è stata ricoperta da giocatori dalle caratteristiche differenti. L’ultimo in ordine di tempo è stato Lucas Biglia, il quale, causa anche qualche infortunio di troppo, non è stato capace di riportare i fasti di un tempo sul piano qualitativo.

Ora toccherà a Bennacer provarci, essere il faro di una mediana che ha bisogno di qualità e visione di gioco. E proprio lui – sottolinea il quotidiano -, con le dovute proporzioni, tra gli ultimi, è probabilmente il più simile a Pirlo, pur rimanendone al momento molto distante.

Garantisce Krunic

Quel che è certo è che può raggiungere livelli alti, come ha assicurato anche il suo amico e compagno di squadra Rude Krunic: “Mi chiedevo come fosse possibile che giocasse con noi a Empoli, è molto molto forte. Secondo me, è prontissimo per fare un salto così e arrivare in una squadra di grande livello come il Milan. Ho giocato con Paredes in squadra e con Pjanic in Nazionale con Pjanic: vi dico che Bennacer è molto vicino a loro come livello”.

Di fatto – sottolinea Ts – al Milan basterebbe che si esprimesse ai livelli visti nel recente torneo continentale, dove il giocatore si è portato a casa anche il premio del miglior giocatore della manifestazione. Un eccellente biglietto da visita per Giampaolo, che con Rafael Leão e aspettando Angel Correa, ha quasi completato il suo puzzle.