Home Milan News Donati: “Milan senza campioni, Giampaolo non ha tempo”

Donati: “Milan senza campioni, Giampaolo non ha tempo”

Massimo Donati, ex centrocampista rossonero, commenta la situazione attuale del Milan esprimendo qualche dubbio sulla squadra di Marco Giampaolo.

giampaolo ac milan
Marco Giampaolo (©Getty Images)

Difficile dire dove potrà arrivare il Milan in questa stagione. Solamente il tempo rivelerà il valore della squadra affidata a Marco Giampaolo. I nuovi acquisti andranno scoperti nel corso delle varie partite per capire se la società ha ben operato.

Ora c’è la pausa per le nazionali e alla ripresa i rossoneri sfideranno prima l’Hellas Verona e poi l’Inter. Due match molto importanti e nei quali il Diavolo intende fare bottino pieno. Sicuramente più facile battere la neo-promossa veneta, ma serve anche una prova di forza nel derby milanese. Nel gennaio 2016 l’ultima stracittadina vinta dal Milan, 3-0 per la formazione guidata allora da Sinisa Mihajlovic.

Massimo Donati ha indossato la maglia rossonera nella stagione 2001/2002, dopo aver fatto bene all’Atalanta, ma la sua avventura a Milano non fu fortunata e successivamente ha giocato altrove. Nel 2018 ha lasciato il calcio giocato e oggi è vice-allenatore in Scozia nel Kilmarnock, squadra allenata dall’italiano Angelo Alessio.

Proprio Donati ha parlato a Radio Sportiva dell’attuale situazione del Milan e non ha mancato di esprimere qualche dubbio sulla squadra di mister Giampaolo: «Il Milan è difficile da valutare. Da alcuni anni punta su giovani bravi ma non campioni ed è difficile avere subito risultati. Bisogna dare il tempo a Giampaolo di crescere: il problema è che il tempo non c’è».

Anche per lui le valutazioni sul Diavolo sono complicate da fare oggi. La presenza di tanti giovani in organico può rendere più tortuoso il percorso verso il raggiungimento di risultati. Inoltre una piazza come Milano è sempre esigente e poco paziente, dunque per Giampaolo non sarà semplice lavorare. Vedremo come si svilupperà la stagione.

Milan, Filippo Inzaghi: “Consegnerò la maglia numero 9 a Piatek. Spero faccia bene”