Home Milan News Verona-Milan, probabili formazioni: ancora Castillejo, Rebic in panchina

Verona-Milan, probabili formazioni: ancora Castillejo, Rebic in panchina

Verona-Milan, le probabili formazioni. In attesa di capire il modulo iniziale, la certezza è Samuel Castillejo: toccherà ancora a lui in attacco. Partirà dalla panchina uno scalpitante Ante Rebic.

Samu Castillejo
Samu Castillejo (©Getty Images)

Verona-Milan, la certezza è che sarà tridente per Marco Giampaolo. Che poi ci sia spazio a un effettivo 4-3-3 come sostengono La Gazzetta dello Sport o il Corriere, oppure un’ultima chance al 4-3-1-2 come ipotizza Tuttosport, staremo a vedere.

Quel che è certo è che il Diavolo dovrà tornare col bottino pieno in città. Per dare continuità al successo casalingo, ma anche per spazzare via le prime remore di questa stagione e acquisire ulteriore fiducia.

E per riuscirci, il tecnico partirà dalla sua grande certezza: la difesa. Quella che vede un inamovibile Gianluigi Donnarumma tra i pali e Mateo Musacchio e Alessio Romagnoli al centro. Sulla destra ci sarà Davide Calabria, mentre a sinistra spicca Ricardo Rodriguez che la spunta su uno scalpitante e pronto Theo Hernandez.

In mediana spazio al terzetto visto col Brescia: Frank Kessie a destra, Ismael Bennacer al centro e Hakan Calhanoglu sull’altro versante. Partirà dalla panchina Lucas Paquetá rientrato da poco dal ritiro della nazionale.

Pochi dubbi anche in attacco: ancora il tris con Suso, Krzysztof Piatek e Samuel Castillejo. Nonostante sia pronto, al massimo subentrerà soltanto il neo acquisto Ante Rebic. Dalla panchina, dopo il digiuno dell’ultimo weekend e reduce da un gol in nazionale, c’è anche anche un irrequieto Rafael Leão.

Verona-Milan, probabili formazioni:

Milan (4-3-3): Donnarumma; Calabria, Musacchio, Romagnoli, Rodriguez; Kessie, Bennacer, Calhanoglu; Suso, Piatek, Castillejo. All. Giampaolo

Verona (3-4-2-1): Silvestri; Rrahmani, Kumbulla, Bocchetti; Faraoni, Amrabat, Veloso, Lazovic; Zaccagni, Tutino, Stepinski

San Siro in vendita, ma i piani dei club non cambiano