Le bandiere del tifo milanista utilizzate per delimitare le piazze di spaccio a Catania; un uso davvero negativo dei colori rossoneri.

curva Sud Milan San Siro
Curva Sud Milan (©Getty Images)

Il Milan è una delle squadre italiane che vanta il maggior numero di tifosi nell’intero stivale, anche a centinaia di chilometri dalla città di Milano.

In Sicilia per esempio vi sono migliaia di fan e supporter rossoneri, che seguono con affetto e passione le vicende della squadra milanista nonostante la lontananza da San Siro.

Proprio nella splendida regione sicula però si segnale, come riportato da Calciomercato.com, un episodio che mette in cattiva luce il tifo rossonero ed i simboli della storica compagine milanese.

A Catania infatti le bandiere del Milan delimitavano una delle più note piazze di spaccio della città: un blitz della polizia di Catania contro due gruppi legati ad altrettanti clan mafiosi, i Cappello-Bonaccorsi e i Cursoti Milanesi, ha portato a un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 40 indagati.

E proprio il secondo gruppo, forse per attinenza nominale, utilizzava i vessilli del Milan per delimitare i confini della loro piazza di spaccio di stupefacenti. Una curiosità tutt’altro che positiva: legare il nome ed i colori rossoneri con la delinquenza mafiosa è qualcosa di deprecabile e, speriamo, da non ripetersi più.

Sky – Milan, Giampaolo ha pensato alla difesa a tre: le ultime