Home Milan News Milan-Inter, da Suso a Skriniar: occhio agli uomini derby

Milan-Inter, da Suso a Skriniar: occhio agli uomini derby

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:55

Milan-Inter, attenzione agli specialisti dei derby: da Suso a Krzysztof Piatek passando per lo spartano Diego Godin e l’imbattibile Milan Skriniar: i precedenti. 

Jesus Suso
Jesus Suso (©Getty Images)

Milan-Inter, occhio agli uomini derby. Perché come sottolinea La Gazzetta dello Sport oggi in edicola, ci sono degli specialisti sia da una parte che dall’altra. Sono in diversi, infatti, ad aver lasciato il segno in qualche stracittadina precedente e chiamati adesso al definitivo salto di qualità attraverso il classico di San Siro.

Uno di questi è Suso: efficace, silenzioso e non proprio uno che suggerisce l’immagine di un leone in un arena. Eppure lo spagnolo, il 6 maggio 2016, si consacrò il rossonero anche attraverso una grande doppietta alla Sampdoria in appena tre minuti.

Un uno due che gli valse quindi la promozione in rossonero un mese più tardi, per poi replicare l’impresa pochi mesi più tardi a Milano: altra super doppietta all’Inter, con i nerazzurri che si salvano solo al 90esimo con l’ex Ivan Perisic.

Anche Krzysztof Piatek, nella città della Lanterna, ha lasciato il segno. 25 novembre 2018: un goal su rigore che lo avvicina ulteriormente al Diavolo che arriverà poco più tardi.

Chi di derby anche ne capisce è invece Lucas Paquetá, abituato a grandi classici a Rio de Janeiro ma soprattutto al bollente Fla-Flu del Maracanã: il 14 novembre scorso, quando l’accordo col Milan era ormai già raggiunto, la sua squadra travolse il Fluminese per 3-0 addirittura.

Lui non segnò, ma a farlo, piuttosto, fu un altro futuro milanista: Léo Duarte. Così come – parlando di difensori – hanno un precedente anche Alessio Romagnoli e Mateo Musacchio. Ora il trequartista carioca, pronto a una nuova chance dal 1′ e accostato spesso a Ricardo Kaká, cerca il gol nel derby al primo colpo come riuscù all’ex pallone d’oro nel lontano 5 ottobre 2013.

Dall’altra parte, invece, occhio soprattutto a Diego Godin e i nove anni di battaglia contro il Real Madrid. Ma anche a Romelu Lukaku e i suoi precedenti in Inghilterra, Marcelo Brozovic e le sfide in Croazia, Lautaro Martinez che ha già inciso al suo primo derby milanese e Milan Skriniar che non ha ancora perso un derby in Italia: due vittorie su due a Genova e tre su quattro nel capoluogo lombardo, con appena un pareggio dall’altra parte. Saranno loro gli uomini chiave a cui si affideranno Marco Giampaolo e Antonio Conte per un match divenuto già cruciale.

Milan-Inter, probabili formazioni: Biglia e Paquetá dal 1′