Home Calciomercato Milan Milan, Conti deve convincere: rispunta Aurier per gennaio

Milan, Conti deve convincere: rispunta Aurier per gennaio

Calciomercato Milan: Andrea Conti è chiamato a guadagnarsi fiducia in questi mesi, altrimenti a gennaio partirà e al suo posto può arrivare Serge Aurier.

serge aurier
Serge Aurier (©Getty Images)

Andrea Conti contro l’Inter ha avuto una grande occasione, ma non l’ha sfruttata bene. La squalifica di Davide Calabria gli ha permesso di giocare titolare un match delicato come il derby, però non ha soddisfatto le aspettative.

Va detto che del Milan i giocatori a salvarsi sono pochissimi, quindi non si può imputare a lui la sconfitta. Tuttavia, bisogna dire che poteva gestire meglio determinate situazioni di gioco. Evidentemente, non avendo da tempo continuità di impiego in campo, per l’ex Atalanta forse ci sono ancora delle difficoltà.

Calciomercato Milan, Conti in prestito e arriva Aurier?

Nell’ultima finestra estiva del calciomercato si era parlato di un possibile trasferimento di Conti in prestito, proprio per consentirgli di giocare con costanza. Si erano fatte avanti più società, in particolare il Parma, ma poi Andrea è rimasto al Milan per giocarsi il posto con l’amico Calabria.

Adesso il numero 12 rossonero sarà chiamato a convincere il club in questi mesi, altrimenti a gennaio la sua cessione in prestito potrebbe diventare qualcosa di concreto. In caso di sua partenza, il Diavolo si dovrebbe tutelare con l’arrivo di un sostituto ovviamente.

Sportmediaset rilancia il nome di Serge Aurier, già accostato al Milan durante l’estate. L’ivoriano classe 1992 veniva dato in uscita dal Tottenham e poi è rimasto alla corte di Mauricio Pochettino. Il suo contratto scade nel giugno 2022. Nelle ultime due partite di Premier League ha giocato titolare, dopo essere rimasto a guardare nelle precedenti.

Non è escluso che ci possa essere un ritorno di fiamma del Milan per Aurier, se Conti non dovesse convincere e se il Tottenham accetterà di cedere il proprio giocatore. Bisogna ricordare che l’ex PSG percepisce un ingaggio molto alto (circa 4 milioni di euro netti annui) e tale aspetto va considerato.

Giampaolo, confronto con la dirigenza: per ora non rischia