Honda si propone al Manchester United… su Twitter!

Keisuke Honda si è proposto al Manchester United… su Twitter. Un’iniziativa curiosa quella del trequartista giapponese con un passato al Milan.

Keisuke Honda
Keisuke Honda (©Getty Images)

Keisuke Honda non se la passa benissimo a livello professionale. Dopo il Milan, ha vestito le maglie del Pachuca in Messico e del Melbourne Victory in Australia. Adesso invece è svincolato ma ha gran voglia di tornare in campo.

Evidentemente però il telefono non squilla. E allora il giapponese ha deciso di proporsi… tramite social. Su Twitter, infatti, nel pomeriggio è apparso un cinguettio molto particolare del trequartista: “Fatemi un’offerta. Non ho bisogno di soldi. Ho bisogno di giocare in una grande squadra e con grandi compagni“. Nello stesso poi ha taggato il Manchester United, sia l’account base che quello nipponico.

Un’iniziativa davvero curiosa quella di Honda. Che non è certo un fenomeno, ma è sicuramente un giocatore che meriterebbe una chance in qualche squadra. A 33 anni può ancora dare qualcosa. Ma qualche offerta probabilmente è arrivata, ma lui vorrebbe qualcosa in più, magari in Europa e ad alti livelli. Difficile che questo possa accadere, figuriamoci il Manchester United, che non se la passa benissimo in questo periodo storico.

Honda al Milan: da Allegri a Montella

L’ex CSKA ha giocato per due stagioni e mezzo con la maglia del Milan. Arrivato nel gennaio del 2014 da svincolato, il giapponese fece il suo esordio in quel famoso match col Sassuolo finito 4-3 che sancì l’esonero di Massimiliano Allegri. Arrivò poi Clarence Seedorf e Honda trovò un po’ di continuità.

Così come con Filippo Inzaghi poi e soprattutto Sinisa Mihajlovic. Di meno, invece, con Vincenzo Montella, e per un motivo molto chiaro. Il tecnico campano, nel 4-3-3, preferì lanciare Jesus Suso da esterno destro e così il giapponese decise di andar via a fine anno. Pachuca e Melbourne Victory le ultime due esperienze prima di adesso.

Donnarumma: “Siamo con Giampaolo. Accetto le critiche, ma vado avanti”