Genoa-Milan, Musacchio squalificato: Duarte verso il debutto da titolare

Duarte farà il suo debutto da titolare in Genoa-Milan, la partita che deciderà le sorti di Giampaolo e del Diavolo. Una situazione difficile per il difensore brasiliano.

Léo Duarte
Léo Duarte (Foto AC Milan)

Un esordio amaro per Léo Duarte con la maglia del Milan. L’ex Flamengo è entrato in campo nel momento più difficile del Diavolo. E infatti, poco dopo, Franck Ribery lo ha seduto con una finta insieme a Davide Calabria e ha firmato il 3-0.

Ma difficile dargli delle colpe. Ne ha parecchie, invece, Mateo Musacchio, che nelle pagelle della partita ha preso addirittura 3 dal Corriere dello Sport. L’argentino è stato disastroso, senza mezzi termini: il fallo da espulsione non ha alcun senso considerando che Ribery era lontano 60 metri dalla porta… Non sarà quindi a disposizione di Marco Giampaolo per GenoaMilan, gara in programma sabato sera alle ore 20.45 al Luigi Ferraris. In molti la considerano l’ultima spiaggia per l’allenatore.

Genoa-Milan, scatta l’ora di Duarte

E in effetti, con un’altra sconfitta Giampaolo probabilmente sarà esonerato. Ecco perché ieri ha preferito rinunciare ad un evento a cui era stato invitato per concentrarsi soltanto sul match. Il mister dovrà lavorare molto su Duarte che, inevitabilmente, sarà schierato dal primo minuto a Marassi per la sfida contro il Grifone. Infatti il brasiliano è il terzo centrale della rosa, la prima riserva dei due titolari; Matteo Gabbia è il quarto e c’è attesa per il rientro di Mattia Caldara entro fine 2019 o inizio 2020.

Esordio da titolare quindi per l’ex Flamengo in una partita cruciale per le sorti di Giampaolo e del Milan. Siamo soltanto alla settima giornata, ma questo match, paradossalmente, potrà già dire molto della stagione rossonera. A Duarte le qualità non mancano, e nemmeno la personalità. Ma finora, esclusa la mezz’ora di domenica, non ha mai giocato in Serie A. Non un bel biglietto da visita… Sarà fondamentale Alessio Romagnoli nel guidarlo.

Costacurta spiega: “Shevchenko a Milano per due motivi”