Home Milan News Gazzetta – Milan-Lecce, le pagelle: Conti il peggiore, Calhanoglu rigenerato

Gazzetta – Milan-Lecce, le pagelle: Conti il peggiore, Calhanoglu rigenerato

Milan-Lecce 2-2, le pagelle de La Gazzetta dello Sport. Sono i tre i bocciati per il match di San Siro, con Andrea Conti il peggiore in campo. Voto 7.5 invece per Hakan Calhanoglu. 

Hakan Calhanoglu
Hakan Calhanoglu in Milan-Lecce (©Getty Images)

Milan-Lecce 2-2, sono appena tre i bocciati per La Gazzetta dello Sport oggi in edicola: Andrea Conti, Lucas Biglia e Suso. In una gara a tratti esaltante e comunque propositiva e positiva, sono gli unici a non essere promossi nel debutto di Stefano Pioli.

Voto 5 per l’esterno ex Atalanta, considerato il peggior in campo, reo di diverse sbavature e soprattutto quel tocco che concede il rigore ai pugliesi. Per il resto tutti promossi in difesa: 6.5 per Gianluigi Donnarumma che para un altro rigore e 6 sia a Mateo Musacchio che Alessio Romagnoli non responsabili sui due goal. 7 in pagella invece per Theo Hernandez, ieri attaccante aggiunto in versione martello pneumatico.

In mediana delude appunto Biglia, con voto 5.5. In realtà parte anche bene con l’assist per Hakan Calhanoglu, ma si smarrisce col tempo e il 2-2 finale nasce da una sua disattenzione. 6 per Frank Kessie e Lucas Paquetá che ci mettono sostanza.

5.5 anche per Suso: non incide come potrebbe ed ha responsabilità sul goal finale di Marco Calderoni. 7.5 invece per Calhanoglu, il migliore in campo per distacco. Il numero 10 rossonero appare rigenerato: entra in tutte le azioni offensive, svaria sull’intero fronte offensivo e trova sia un goal fantastico che un palo. Appena un 6, invece, per un ottimo Rafael Leão colpevole però di non capitalizzare le diverse occasioni.

6.5 e 6 per i subentranti Krzysztof Piatek e Rude Krunic, s.v. per Ante Rebic6.5 per Pioli. Compleanno agrodolce per il mister: positivo perché in pochi giorni ha già dato un’identità tattica, negativo perché queste sono partite da chiudere prima.

Milan, Pioli: “Spirito giusto. A Roma capiremo chi siamo”