Milan, si pensa a Castrovilli: è derby con l’Inter

Il Milan pensa a Gaetano Castrovilli della Fiorentina, autore di un ottimo inizio di stagione. Su di lui c’è anche l’Inter che vuole completare il trittico con Sensi e Barella.

milan si pensa a castrovilli
Gaetano Castrovilli (©Getty Images)

Nonostante le difficoltà di questo inizio di stagione, l’idea del Milan non cambia. Avanti col progetto Elliott Management, e quindi acquisti giovani e di prospettiva. Attenzione massima anche agli italiani, sempre molto ricercati dai top club.

Chi si è messo in luce in queste prime gare è Gaetano Castrovilli, classe 1997, talento lanciato dalla Fiorentina e da Vincenzo Montella. Pupillo di Daniele Pradè, si è ritagliato uno spazio fondamentale nella squadra viola ed è sempre più in fiducia. Infatti le prestazioni sono sempre più importanti: di qualità e di personalità, è bravissimo negli inserimenti ma anche come assist-man. Un centrocampista davvero completo.

Calciomercato Milan, si segue Castrovilli

Per caratteristiche anagrafiche si sposa perfettamente con le idee della proprietà rossonera. Come scrive Calciomercato.it, Paolo Maldini e Zvonimir Boban potrebbero pensare a lui come eventuale rinforzo per il centrocampo nella prossima estate. Gli scout rossoneri lo stanno osservando da vicino in ottica di un possibile assalto, ma bisogna fare i conti con la concorrenza. La Juventus c’è sempre quando si tratta di giovani italiani, così come anche l’Inter. I nerazzurri, che hanno già preso Stefano Sensi e Nicolò Barella, vorrebbero chiudere il trittico con un altro giocatore italiano e di prospettiva in quella zona del campo.

La Fiorentina intanto si gode le sue prestazioni e ragiona sulla cifra da chiedere in sede di calciomercato. Castrovilli ha appena rinnovato il contratto fino al 2024: la società viola si è cautelata dopo l’incredibile crescita di questo giocatore, autore già di un gol (proprio contro il Milan a San Siro) e di un assist nelle otto partite di campionato. Lo scorso anno ha fatto benissimo alla Cremonese in Serie B, tanto che Pradè e Montella hanno voluto trattenerlo dopo la fine del prestito. Un’altra bella intuizione del tecnico, che fece lo stesso anche con Patrick Cutrone quando era al Milan.

Milan, occhi in casa Bayern Monaco: piace il giovane Mai