Maldini: “Ibrahimovic un sogno. Futuro? Milan o niente”

Maldini su Ibrahimovic e sul suo futuro. Il dirigente del Milan giura amore eterno ai rossoneri anche in questo nuovo lavoro. 

Ibrahimovic e Paolo Maldini
Ibrahimovic e Paolo Maldini (©Getty images)

Come sempre Paolo Maldini non ha nulla da nascondere. Ieri ha risposto alle battute di Silvio Berlusconi in maniera molto garbata, adesso ha parlato di altri argomenti con la stessa naturalezza di sempre. Sky Sport ha infatti lanciato un’altra parte della lunga intervista già anticipata ieri sera.

Argomento centrale è Zlatan Ibrahimovic, che spinge per il ritorno in Italia. C’è la suggestione Bologna e il sogno del Napoli, o addirittura anche l’Inter. Impossibile invece per il Milan. Il direttore tecnico ne ha parlato così: “Un sogno, per tanti motivi. Io credo che lui abbia paura di non essere più dominante. E’ una situazione che ho vissuto in prima persona, quando Ancelotti mi tenne in panchina per un derby. Una situazione che non potevo accettare. Difficile che possa farlo uno come Ibrahimovic”. Per Elliott Management l’acquisto dello svedese è impossibile per costi ed età. L’attaccante resterà per sempre legato ai rossoneri.

Un altro tema chiave dell’intervista è il suo futuro. Maldini infatti, come ha fatto da calciatore, giura eterno amore per il Milan: “O finirà la carriera al Milan oppure nulla. Difficilmente andrò a fare questo lavoro altrove. Come ti succedeva da calciatore, spesso ti svegli e ti viene da dire ‘Ma chi te lo fa fare’. Poi però pensi alla passione, all’amore per questi colori, e questo nessuno può metterlo in dubbio“.

Parole al miele quelle dell’ex capitano rossonero, che non ha mai nascosto il suo amore per questi colori. Li ha sposati per una carriera intera da calciatore, adesso vuole fare lo stesso da dirigente. Ma stavolta è consapevole che ciò dipenderà dai risultati. Finora le cose non sono andate benissimo e, a fine anno, Elliott farà valutazioni anche sul suo operato. Per i tifosi è un punto di riferimento e garanzia di affidabilità.

Acerbi racconta: “Milan? Bevevo di tutto, ho toccato il fondo”