Rossi (sottosegretario Lombardia): “Olimpiadi 2026, a San Siro cerimonia d’apertura”

Il progetto nuovo stadio di Milan e Inter sta facendo discutere in molti. Oggi ha parlato Antonio Rossi, sottosegretario della regione Lombardia. 

Antonio Rossi
Antonio Rossi (©Getty Images)

Il sottosegretario della regione Lombardia – Antonio Rossi – con delega ai “grandi eventi sportivi”, ha rilasciato un’intervista a Radio 24 durante la quale ha parlato del progetto nuovo stadio di Milan e Inter.

Nel corso delle sue dichiarazioni ha ricordato anche che le Olimpiadi invernali 2026 a Milano-Cortina, e la cui inaugurazione è prevista proprio al Meazza. In quell’anno, tecnicamente, secondo i progetti dei due club, lo stadio non ci sarebbe più:La Cerimonia di apertura delle Olimpiadi 2026 è prevista a San Siro davanti ad 80 mila paganti e sappiamo che i biglietti più richiesti, sono quelli della cerimonia d’apertura”.

Poi si concentra sulla sostenibilità del progetto: “Io sono milanista, se facciamo uno stadio che faccia tornare il Milan ai grandi livelli son contento. Io rifarei un altro stadio, il fatto che ci siano due stadi la vedo dura e ristrutturare San Siro credo che costi di più. Il progetto stadio chiaramente deve essere sostenibile, a livello migliorativo per chi ci abita. Abbiamo l’esempio di Torino”.

Ancora sulle Olimpiadi e la sostenibilità a vantaggio dei residenti: “Stiamo lavorando alla legge olimpica che ci aiuterà a lavorare sulle strutture dei Giochi e semplificare l’iter burocratico e San Siro potrà beneficiare anche di questa legge. Chi abita nella zona deve essere tutelato e dei paletti bisogna metterli, sono d’accordo”.

Poi una battuta sul Milan attuale: “Sto seguendo molto quello femminile. Il Milan è forte, stiamo dando vantaggio agli avversari…non vi ho convinto vero?”.

Nuovo San Siro, comunicato Milan e Inter: “Rispetteremo i tempi”