Home Milan News Milan, problema in regia: Bennacer delude e Biglia non va

Milan, problema in regia: Bennacer delude e Biglia non va

Milan, Ismael Bennacer delude e Lucas Biglia fa fa anche peggio: come evidenzia Tuttosport oggi in edicola, c’è un problema in regia per quanto riguarda il Diavolo e Stefano Pioli. 

Stefano Pioli
Stefano Pioli e Ismael Bennacer (©Getty Images)

C’è un problema regia in casa Milan. Perché come evidenzia Tuttosport oggi in edicola, la manovra di Lucas Biglia è ormai da tempo lenta e prevedibile e Ismael Bennacer continua a deludere nel ruolo.

I due si sono alternati più volte in quest’avvio, ma nessuno ha mai convinto davvero. Da entrambi ci si aspetta le classiche giocate da geometra, quali costruzione del gioco, idee, lanci lunghi, passaggi filtranti, chiusure e i falli giusti al momento giusto quando è necessario.

Ma al momento – evidenzia Ts – solo sui cartellini gialli ci siamo davvero: tre a testa. Su tutto il resto, invece, bisogna lavorare e ancora tanto. Mai incisivi e autorevoli, mai una giocata di rilievo e che inneschi un’azione decisiva. E così se gli attori già sono quel che che sono, senza un geometra lo scenario diventa ancor più cupo.

All’argentino non è bastato ritrovare il suo vecchio maestro, mentre dall’algerino ci si aspettava molto di più. Ma se l’ex Lazio è ormai agli sgoccioli dato i 34 anni e il contratto in scadenza in estate, molto alte sono invece le aspettative sull’ex Empoli. Paolo Maldini e Zvonimir Boban infatti non hanno dubbi su Bennacer: deve solo esplodere. Sono convinti di aver preso un giocatore di grande potenzialità.

Il problema è che al momento non sta rispondendo alle varie chiamate, costringendo il tecnico a ripiegare sull’attempato Biglia. Servirebbe anche la freschezza, l’ingegno e la spensieratezza di un 22enne in questo Diavolo, ma Bennacer, il miglior giocatore dell’ultima Coppa D’Africa, al momento non dà segnali. E così ritorna in panchina per Milan-Lazio. Una staffetta continua ma che non dà mai un vero risultato.

CorSera – Elliott, c’era l’ok per Modric e Ibrahimovic