Home Milan News Suso: “Milan sicuro con Elliott, ma i cambi societari hanno inciso”

Suso: “Milan sicuro con Elliott, ma i cambi societari hanno inciso”

Jesus Suso spiega che i cambiamenti societari di questi anni sono stati condizionanti in casa Milan. Ma ora con Elliott sembra esserci tranquillità.

Jesus Suso
Jesus Suso (©Getty Images)

Jesus Suso è uno dei giocatori più discussi del Milan in questo inizio di stagione. Sicuramente le aspettative nei suoi confronti erano di un certo tipo, ma lui ha deluso e altrettanto ha fatto tutta la squadra.

Dai calciatori maggiormente dotati tecnicamente ci si attende sempre qualcosa di più. Purtroppo lo spagnolo non è riuscito a incidere quanto sarebbe servito, nonostante le qualità che possiede. Un assist per il gol-vittoria di Hakan Calhanoglu col Brescia alla seconda giornata e poi la sua rete decisiva su punizione contro la SPAL a San Siro nel penultimo turno disputato. Un bottino limitato.

Oggi nell’intervista concessa a Sportweek al numero 8 rossonero è stato chiesto cosa gli manchi per fare il salto di qualità. Ha replicato così: «Non esiste un punto in cui uno possa dire: sono arrivato. Si può sempre migliorare. A volte dipende dall’annata. È vero anche che in questi ultimi tempi abbiamo avuto cambi societari che hanno inciso a livello mentale, ma adesso con Elliott siamo tranquilli. Perciò sono sicuro che possiamo fare bene, abbiamo tutte le caratteristiche per riuscirci. A volte, è semplicemente una questione di tempo, anche se nelle grandi squadre non ce n’è mai. Ma siamo sulla strada giusta e con il nuovo allenatore le cose andranno meglio».

Suso menziona i cambi di proprietà e dirigenziali di questi anni. Effettivamente non è mai semplice rendere al meglio in un ambiente nel quale c’è un po’ di confusione, ma ciò non può giustificare determinate prestazioni negative. Adesso con Elliott il calciatore dice che c’è tranquillità, dunque tocca alla squadra rimettere in piedi una stagione finora pessima. Purtroppo il calendario non aiuta: Juventus e Napoli le prossime due avversarie in campionato.

Nuovo stadio, Sala: “Sesto non è uno spauracchio. Resto ottimista”