Home Calciomercato Milan Suso e Romagnoli a Raiola: si complicano i rinnovi?

Suso e Romagnoli a Raiola: si complicano i rinnovi?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:49

Suso e Romagnoli a Raiola, manca soltanto l’ufficialità. Si complica il discorso rinnovi e il futuro è incerto per entrambi.

Alessio Romagnoli Suso
Alessio Romagnoli e Suso (©Getty Images)

In casa Milan, fra le tante cose, c’è in ballo la questione rinnovi. Il più urgente è quello di Gianluigi Donnarumma, in scadenza a giugno 2021. Invece le priorità per questioni di tempo è Giacomo Bonaventura.

Entrambi i giocatori citati sono di Mino Raiola, il potente agente italo-olandese. Rapporto fortissimo con Adriano Galliani, meno con Massimiliano Mirabelli. Con l’arrivo di Leonardo si è ravvicinato ai rossoneri, adesso lo sta facendo in maniera concreta con la procura di nuovi giocatori del Diavolo. Parliamo di Jesus Suso e Alessio Romagnoli, pronti a passare nella sua scuderia.

ATTACCO MILAN, NUMERI IMPIETOSI. PERCHE’ REBIC NON GIOCA?

Suso e Romagnoli, futuro incerto

I due hanno detto addio ai loro storici procuratori: Alessandro Lucci per lo spagnolo, Sergio Berti per il capitano. I giocatori, dopo un periodo di riflessione, hanno deciso di affidarsi alle mani di Raiola, che è famoso per spostare spesso i giocatori e per il suo stile irruento nelle trattative. Per questo motivo, spiega La Repubblica, la questione rinnovi potrebbe complicardi anche per i sue due nuovi gioielli.

Per Suso l’eventuale cessione non sarebbe così negativa per il Milan. Lo spagnolo è un giocatore altalenante e mal visto dal pubblico di San Siro; c’è poi l’aspetto economico perché il suo addio permetterebbe ai rossoneri di realizzare una plusvalenza netta. Suso arrivò al Milan nel gennaio del 2014 a zero dal Liverpool, ora potrebbe essere ceduto a 25-30 milioni. Sarebbe un’ottima operazione per le casse del Diavolo.

Più delicato e complesso il discorso attorno a Romagnoli. Lui è molto legato al Milan ed è anche il capitano. Ma ha 24 anni e non ha mai giocato la Champions League. Per i rossoneri il quarto posto in classifica è un miraggio, ecco perché a fine anno si potrebbe pensare alla cessione. C’è sempre la Juventus sullo sfondo. Raiola prenderà i primi contatti non appena la cosa diventerà ufficiale. Ha un contratto in scadenza a giugno 2022, quindi il Milan è abbastanza tutelato, ma non troppo.

RETROSCENA SU GATTUSO: “MI DISSE CHE AVEVA GIOCATORI SENZA ATTRIBUTI”