Home Milan News Suso: “La storia del Milan ti spinge a dare il massimo”

Suso: “La storia del Milan ti spinge a dare il massimo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:15

Jesus Suso ribadisce la sua felicità nel vivere in Italia e nell’indossare la maglia del Milan. Oggi lo spagnolo compie 26 anni e ha parlato a Sky Sport.

milan le alternative a suso
Jesus Suso (©Getty Images)

Questa è la giornata nella quale Jesus Suso festeggia i suoi 26 anni e Sky Sport ha realizzato un’intervista che verrà trasmessa in TV nei prossimi giorni. Diversi i temi affrontati dal giocatore del Milan.

In una breve anticipazione divulgata oggi, lo spagnolo ha avuto modo di parlare della sua esperienza a Milano: «La storia di questo club ti spinge sempre a lottare dando il massimo. Noi stiamo benissimo qui, mi piace la città e la gente, il cibo. L’Italia è un Paese molto simile alla Spagna  e noi siamo molto contenti qui».

Suso conferma di essere felice con la sua famiglia a Milano. Ormai ci vive da anni e ha sempre ribadito di trovarsi bene nella città lombarda. Inoltre, ha manifestato più volte la soddisfazione nell’indossare la maglia del Milan e di voler dare il 100% per essa.

Il suo rendimento stagionale è sicuramente negativo e ciò gli ha attirato sia critiche che voci di calciomercato sulla possibile cessione. Lui si è difeso spiegando di soffrire di pubalgia, problema fisico che si porta avanti da tempo e che lo limita. Il Milan ha bisogno di averlo al meglio per riuscire a risalire una classifica che attualmente lo vede al 14° posto con soli 13 punti.

Suso è uno dei calciatori di maggiore spessore tecnico presenti in squadra, dunque deve essere uno dei trascinatori in campo. Contro la SPAL a San Siro aveva trovato anche il gol decisivo su calcio di punizione, salvo poi fermarsi per un problema fisico e saltare Milan-Lazio. È rientrato contro la Juventus e sabato sarà certamente titolare contro il Napoli a San Siro. Da lui e dai compagni ci si attende una grande prestazione, ma soprattutto la vittoria.

Romagnoli carica il Milan: “Adesso dobbiamo invertire la rotta”