Milan, l’app creata da Pioli: cos’è e come funziona

La nuova app di Gianmarco Pioli, figlio dell’allenatore del Milan, utilizzata dai calciatori rossoneri in settimana e anche negli spogliatoi prima delle partite. 

Stefano Pioli
Stefano Pioli (©Getty Images)

Prima di Milan-Napoli Biglia, Kessie e Rebic sono stati immortalati all’interno dello spogliatoio rossonero con lo smartphone tra le mani. E l’opinione pubblica – noi compresi, lo ammettiamo – li ha letteralmente massacrati.

Con l’assist perfetto che è stata anche la prestazione negativa offerta da loro in campo, soprattutto per Biglia e Rebic. Ma oggi Stefano Pioli ha difeso i tre rossoneri e spiegato il perché dell’utilizzo del telefonino. Stavano consultando l’app di Gianmarco Pioli, match analyst rossonero e figlio del mister, relativamente ai dettami tattici personalizzati per ogni giocatore.

Un’idea già utilizzata nel corso dell’esperienza dei Pioli alla Fiorentina. Oggi il CorSera ci aiuta a capire di cosa si tratta nello specifico: “L’app contiene una collezione di video e schede relativi a ogni giocatore della squadra avversaria che il Milan va ad affrontare. Viene fatta scaricare (o viene semplicemente aggiornata, ndr) a inizio settimana, così che ogni rossonero abbia la possibilità nell’avvicinamento della gara di studiare e visionare caratteristiche di ogni rivale”. 

News Milan | Pioli spiega l’app usata dai rossoneri

Stefano Pioli ha spiegato nello specifico l’utilizzo dell’app: “Ogni calciatore ha dei video da memorizzare per studiare le caratteristiche degli avversari che gravitano nelle loro aree di competenza. In pratica stavano svolgendo una sorta di compiti a casa”.

E chiaramente difende i propri calciatori: “Capisco che a prima vista certe immagini possano suscitare le reazioni delle ultime ore. Ma se fossi stato certo che i giocatori erano intenti a chiamare o mandare messaggi prima di una sfida importante io per primo mi sarei arrabbiato”.

Nello specifico i colleghi del Corriere spiegano: “La novità di Pioli jr si inserisce nella rivoluzione tecnologica già avviata dalla Lega di A dopo la presentazione del progetto Football Virtual Coach, un sistema innovativo che permetterà agli staff tecnici di ottimizzare le performance delle proprie squadre attraverso l’analisi in tempo reale della partita in corso.

Dal girone di ritorno verrà introdotta questa novità: ogni allenatore avrà in dotazione un tablet con installato un programma specifico che forniranno dati in real time, li analizzerà e sarà in grado di restituire indicazioni tecniche precise per gli allenatori e per tutto lo staff”.