Bartoletti: “Ibrahimovic-Milan, come il viagra a metà campionato”

La cerchia degli opinionisti contro il ritorno di Zlatan Ibrahimovic al Milan è piccola, ma c’è. Tra questi, Marino Bartoletti, che ha spiegato così il suo dissenso. 

Zlatan Ibrahimovic
Zlatan Ibrahimovic (©Getty Images)

Il Milan vuole dare una scossa alla propria stagione, aggiungendo un rinforzo d’esperienza e personalità all’interno dello spogliatoio. Il nome scelto è quello di Zlatan Ibrahimovic, occasione che adesso la dirigenza vuole prendere al volo.

Marino Bartoletti è intervenuto a Sky Sport 24 per criticare l’operazione Ibra, ponendo queste domande: “Non voglio fare metafore grossolane, ma qual è il progetto del Milan? Quello di prendere il viagra a metà campionato? Che senso ha ibrahimovic nella realtà e nella progettualità di questa squadra? Dove si va con un Ibrahimovic del quale si vive solo del ricordo? Cosa ci arriva di vivo di di Ibrahimovic? Io non trovo assolutamente congrua questa speranza dei milanisti. Cosa fanno, vincono un partita, ne vincono due, e poi? Il futuro qual è? Ibrahimovic al Milan è un grande equivoco, i rossoneri devono guardare ben oltre la fine di questa stagione”.

Perplessità che toccherà alla dirigenza, e meglio ancora a Zlatan stesso, cercare di “risolverle”. Ma Bartoletti lancia anche un messaggio, un consiglio a Ibra: “Secondo me Ibrahimovic potrebbe avere un senso al Bologna, perché li troverebbe il suo piccolo regno. Tutti gli vorrebbero bene e nessuno gli contesterebbe nulla. Lì sì che potrebbe essere la ciliegina sulla torta di un progetto più modesto ma sicuramente più concreto”.

Boban e Maldini hanno pensato che l’arrivo di Ibra nello spogliatoio rossonero possa dare una scossa alla squadra. E sinceramente ci fidiamo del loro parere. Poi se Ibrahimovic tornerà al Milan, e se sarà utile alla squadra, solo il tempo ce lo dirà.