Milan, il Torino difficilmente riscatterà Laxalt: la situazione

Il Torino non è convinto dal rendimento di Diego Laxalt e potrebbe non esercitare il diritto di riscatto, restituendo l’ex Genoa al Milan a fine stagione.

Diego Laxalt riscatto Torino
Diego Laxalt (©Getty Images)

Walter Mazzarri lo ha voluto, ma Diego Laxalt a Torino non sta vivendo una stagione particolarmente esaltante. Tutta la squadra sta deludendo, a dire il vero, e l’uruguayano forse è condizionato pure da questo.

Il giocatore ha finora collezionato 12 presenze complessive, solamente 3 da titolare e le altre da subentrato. Prestazioni che non sono state sul livello di quelle viste ai tempi del Genoa o nell’Uruguay. Più in linea invece con quelle negative viste nel Milan, dal quale si è trasferito in prestito in Piemonte.

Dalla Spagna: Todibo, il Barcellona complica i piani del Milan

Calciomercato Milan, il Torino non riscatterà Laxalt?

In estate il Torino ha preso Laxalt in prestito oneroso per 500 mila euro ed è previsto un diritto di riscatto a circa 11,5 milioni. Per quella che è la situazione oggi, è difficile pensare che il club di Urbano Cairo possa esercitare l’opzione per acquistare a titolo definitivo il cartellino del giocatore.

La dirigenza granata valuterà il rendimento dell’uruguayano nella seconda metà di stagione e poi deciderà se confermarlo oppure restituirlo al Milan. Certamente Laxalt e tutta la squadra di Mazzarri dovranno fare qualcosa di meglio nel 2020. C’è in ballo il futuro di tutti.

Il laterale sinistro sudamericano nel suo ruolo ha Cristian Ansaldi come concorrente e scalare la gerarchia non gli sta risultando semplice. Però l’ex Genoa farà di tutto per convincere dal punto di vista delle performance. Se il Torino non dovesse riscattarlo, il Milan dovrà poi trovargli una nuova sistemazione. Cosa non semplicissima, considerando l’ingaggio da 1,7 milioni che il calciatore percepisce.

UEFA Europa League 2018/2019: i ricavi del Milan