Home Milan News Maldini sul progetto Milan: “Rosa giovane, snella e monte ingaggi basso”

Maldini sul progetto Milan: “Rosa giovane, snella e monte ingaggi basso”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:12

Paolo Maldini, nell’intervista a ‘Sky Sport’, ha dettato la linea del prossimo calciomercato: non solo giovani ma anche giocatori di esperienza. Ibra e Kjaer non bastano.

Paolo Maldini Frederic Massara
Paolo Maldini e Frederic Massara (©Getty Images)

Le parole di Paolo Maldini – intervenuto a Sky Sport – sono servite anche per avere un quadro chiaro in chiave di calciomercato. I rossoneri nell’ultima sessione di gennaio hanno un po’ cambiato rotta: non affidandosi solo ai giovani, come fatto in estate. Non è stato solo Zlatan Ibrahimovic a rappresentare un’eccezione, il Milan ha infatti acquistato anche Simon Kjaer – classe 1989 – e Asmir Begovic – classe 1987 – che di certo non sono giovanissimi come Saelemaekers, il classe 1999 arrivato dall’Anderlecht.
Il Milan dunque manterrà questa linea, dettata oggi da Paolo Maldini: “Stiamo lavorando molto: rosa giovane, più snella, un monte ingaggi che cala. Non abbiamo ancora il Milan dei sogni, ma ci stiamo lavorando. Se sei giovane e inesperto, ti aggrappi a chi è più esperto. Penso che giocatori come Kjaer e Ibrahimovic possano dare questa sicurezza, ma forse è ancora troppo poco per farli crescere”.

LEGGI ANCHE: MILAN, PER BIGLIA NUOVO INFORTUNIO: LE ULTIME NEWS

La Linea guida del calciomercato

thiago silva rinnovo
Thiago Silva (©Getty Images)

In estate il Milan avrà dunque una rosa più snella, con un monte ingaggi sempre più basso. Dopo gli adii di Suso, Reina (potrebbe tornare), Caldara, Borini e Rodriguez, tutti con stipendi non certo bassi sarà la volta di Biglia. L’argentino, che non è riuscito a dare l’apporto sperato, ha tra i contratti più alti della rosa e andrà in scadenza, quasi certamente come Jack Bonaventura. Per l’italiano, però, c’è ancora qualche speranza ma a prezzi più in linea con le nuove idee.

Un monte ingaggi più snello permetterà dunque di poter blindare i campioni in rosa, come Donnarumma, e di acquistare nuovi potenziali campioni. Il Milan guarderà ancora ai giovani, e i profili di Zaracho ed Omeragic – nomi in cima alla lista della spesa – ne sono una prova.

Ma non solo la linea verde: Maldini ha detto chiaramente che i soli Ibrahimovic e Kjaer non bastano. I giovani per crescere hanno bisogno di calciatori esperti, capaci di dare il loro apporto non solo sul campo ma soprattutto in termini di esperienza. Proprio per questo coltivare il sogno Thiago Silva, ancora integro fisicamente, come dimostra la stagione che sta vivendo al Psg, è certamente possibile.

LEGGI ANCHE: MALDINI: “BRAVO PIOLI, NON ERA FACILE. PROGRAMMEREMO IL FUTURO”