Home Milan News Milan-Torino, probabili formazioni: ancora 4-2-3-1, c’è Rebic

Milan-Torino, probabili formazioni: ancora 4-2-3-1, c’è Rebic

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:37

Le probabili formazioni di Milan-Torino: come riferisce il CorSport, a oggi non è previsto turnover per Stefano Pioli. E ci sarà ancora il nuovo 4-2-3-1 che sta dando risposte importanti. 

Ante Rebic Ibrahimovic
Ante Rebic e Zlatan Ibrahimovic (©Getty Images)

Milan, si va di nuovo verso il 4-2-3-1. Lo riferisce il Corriere dello Sport oggi in edicola. Dopo le buone indicazioni ottenute sia nel derby che in Coppa Italia contro la Juventus, Stefano Pioli rilancia il nuovo modulo anche per la sfida di lunedì sera contro il Torino.

La formazione del Milan

Malgrado sia la terza partita in nove giorni, a oggi, non si registra un turnover minimo. In difesa, piuttosto, con Gianluigi Donnarumma tra i pali, spazio ai soliti Davide Calabria, Simon Kjaer, Alessio Romagnoli e Theo Hernandez.

Scelte obbligate in mediana col duo composto da Frank Kessie e Ismael Bennacer, ma anche dalla trequarti a salire non sembrerebbero esserci novità. Dovrebbe essersi infatti ancora Samuel Castillejo sulla destra, con Hakan Calhanoglu sulla trequarti e Ante Rebic sulla sinistra alle spalle di Zlatan Ibrahimovic. Partirebbero ancora dalla panchina, quindi, i vari Rafael Leão, Giacomo Bonaventura e Lucas Paquetá.

La possibile formazione del Milan: Donnarumma; Calabria, Kjaer, Romagnoli, Theo Hernandez; Kessie, Bennacer; Castillejo, Calhanoglu, Rebic; Ibrahimovic

La formazione del Torino

Sarà 3-4-3, dall’altra parte, per Moreno Longo. Con Salvatore Sirigu in porta, la linea difensiva vedrà il terzetto composto da Lyanco, Nicolas Nkoulou e Bremer. Stefano De Silvestri e Ola Aina agiranno sugli esterni, con Tomás Rincon e Sasa Lukic centrali. In attacco il tridente vedrà invece Alejandro Berenguer a destra, Stefano Belotti al centro e Simone Verdi a sinistra.

La possibile formazione del Torino: Sirigu; Lyanco, Nkoulou, Bremer; De Silvestri, Lukic, Rincon, Aina; Berenguer, Belotti, Verdi

Rigore Calabria, per l’AIA la decisione è corretta: i motivi