Milan, Curva Sud: “Panni sporchi da lavare in casa propria”

Il comunicato della Curva Sud Milano sulle ultime vicende in casa rossonera. Ecco il pensiero del cuore pulsante del tifo rossonero.

curva sud milan
Curva Sud Milan (©Getty Images)

La situazione in casa Milan è sempre più complessa. Si va verso l’ennesima rivoluzione estiva. Boban e Maldini sono destinati ad andar via; Ivan Gazidis è pronto a prendere in mano le redini della situazione e ad affidare l’area sportiva a Ralf Rangnick.

La Curva Sud Milano, sul proprio sito ufficiale, ha pubblicato una lettera per esprimere la propria opinione su quanto sta accadendo. Dopo aver parlato del caos dovuto all’allarme Coronavirus, si è passati a parlare delle ultime vicende. Ecco, di seguito, il passo chiave del comunicato.

Il comunicato della Curva Sud

In merito alla situazione del Milan ci tocca purtroppo constatare amaramente che, salvo clamorosi ribaltoni, sta scivolando via l’ennesima stagione deludente. Le ultime diatribe societarie non fanno certo bene ne al Milan ne tantomeno all’umore del popolo rossonero già da tempo ai minimi termini.

Imputare le responsabilità di questa ennesima debacle ad un unica componente ci sembra irreale ed inelegante. Restiamo in attesa che la situazione venga meglio definita, cercando di capire quali siano i possibili scenari all’orizzonte, senza tuttavia perdere di vista la realtà dei fatti: allo staff dirigenziale che si è occupato dell’area tecnica vanno imputate scelte a dir poco deludenti sia in termini di allenatore che di mercato, e allo stesso tempo non può passare inosservato il fatto che sia stata la società a scegliere le figure cui affidare il rilancio sportivo del Milan.

Nella speranza di non doverci ritrovare ogni estate a parlare di “anno zero”, ci auguriamo di non assistere in futuro al Ping-pong mediatico di questi giorni, confidando nel fatto che lo staff dirigenziale del futuro, qualsiasi esso sia, tenga in considerazione come regola fondamentale che i panni sporchi vanno lavati in casa propria“.

LEGGI ANCHE: BOBAN, RANGNICK E IBRAHIMOVIC: LE ULTIME DA DI MARZIO