Serie A, possibile ripresa il 2-3 maggio e conclusione a luglio

Il ministro dello sport Vincenzo Spadafora spiega che il campionato di Serie A può ripartire a inizio maggio. Lo auspica pure Gabriele Gravina, presidente FIGC.

Pallone Serie A (©Getty Images)

Vincenzo Spadafora, Ministro dello Sport, è tornato a parlare della ripresa delle attività sportive. Gli appassionati di calcio attendono notizie sui campionati, la cui ripartenza dipenderà dall’evoluzione dell’emergenza Coronavirus.

Intervistato da Rai Uno, il membro del Governo si è così espresso: «Ritengo che la serie A possa riprendere a giocare dal 3 maggio, almeno questo è quello che speriamo. Poi valuteremo se a porte aperte o chiuse, dipenderà dalla situazione. A questo naturalmente si aggiungeranno le competizioni internazionali, Europa League e Champions League, che si incroceranno con il nuovo calendario».

Ovviamente non c’è nulla di certo ancora. Si tratta più di un auspicio che di qualcosa di concreto, per adesso. Se tutto andrà bene, a inizio maggio non solo riprenderanno le attività sportive ma anche le persone man mano potranno tornare a vivere meglio. Complicato fare previsioni, però.

A proposito di Serie A, Gabriele Gravina non ha escluso di terminare la stagione oltre il 30 giugno sforando a luglio. Il presidente FIGC si è così espresso a Radio 24: «Adesso abbiamo maggiori possibilità per posizionare alcune date in maggio e giugno sperando sia sufficiente per la deadline del 30 giugno. Lavoriamo sull’ipotesi del 2 maggio e di completare i campionati, eventualmente sforando nei primi 10 giorni di luglio se non dovessimo farcela al 30 giugno. In caso estremo ci saranno playoff e playout».

LEGGI ANCHE -> Milan-Theo Hernandez, rinnovo e poi caccia al vice