Pioli: “Mi manca Milanello. Maldini campione anche adesso”

Stefano Pioli ha lanciato dei messaggi importanti in una video-chiamata resa nota sui canali ufficiali del Milan. Ovviamente gli manca il lavoro quotidiano con la squadra.

Stefano Pioli
Stefano Pioli (©Getty Images)

Stefano Pioli ha sostenuto una video-chiamata assieme a Federico Giunti, Maurizio Ganz e Mauro Suma. Il video è stato pubblicato sull’app ufficiale AC Milan. Noi riportiamo le sue dichiarazioni di seguito sui vari temi affrontati.

Cosa gli manca della routine di tutti i giorni: «Mi manca tutto, perché siamo da tanti anni in questo ambiente e dunque ci manca la quotidianità di stare nello spogliatoio. Stare coi giocatori, con i collaboratori, allenarsi… Ci manca tanto. Però sto trovando il modo di far passare le giornate. Io sento musica tutto il giorno, la musica mi rende felice. Parlo molto con la mia famiglia. Faccio i lavori di casa, guardo tante serie TV e filmati di sport. Mi tengo informato, sono curioso. Sento i miei collaboratori, la società. Purtroppo tante gente soffre e sta combattendo, c’è preoccupazione ovviamente».

La positività di Paolo Maldini e del figlio Daniel al coronavirus: «Sapevo che aveva l’influenza e non era stato presente negli ultimi giorni proprio per questo. Con lui ci sentiamo quotidianamente. Sta dimostrando di essere un campione anche in questa situazione, l’ha affrontata con forza e con lo spirito giusto. Con la voglia di combattere e di superare tutto. Sono contento che la situazione si stia risolvendo nel modo migliore».

Maurizio Ganz è stato un giocatore di Pioli: «Sì, fu l’acquisto dell’ultimo minuto del mio direttore sportivo. È arrivato a Modena verso la fine della sua carriera, ma la sua qualità era certamente superiore alla media della categoria. Era un giocatore molto importante, anche se lui si aspettava di giocare con più continuità».

Ricordi di ex compagni come Gaetano Scirea e Stefano Borgonovo: «Ragazzi splendidi. Gaetano era il capitano della Juventus di Tardelli, Paolo Rossi, Platini eccetera che vinceva in Italia e in Europa. Io arrivai a 18 anni dal Parma, dalla Serie C. Mi prese sotto le sue ali, era un punto di riferimento. Aveva eduzione, rispetto e passione in quello che faceva. Spesso mangiavo a casa sua, era una persona speciale. Borgonovo simpaticissimo, sempre felice e pronto allo scherzo. Sono persone che mi hanno lasciato qualcosa e mi hanno migliorato».

La solidarietà fatta dal Milan in queste settimane per la lotta contro il coronavirus Covid-19: «Noi che possiamo aiutare ed essere solidali dobbiamo farlo in questa situazione drammatica per il Paese. Coi nostri comportamenti e anche a livello economico possiamo dare, visto che siamo fortunati. Possiamo collaborare e dare grande solidarietà a chi sta facendo un lavoro incredibile».

L’importanza di stare a casa: «Ora non ci sono più dubbi, rimanere in casa significa salvare delle vite. Gli operatori sanitari sono eroi, sono i nostri angeli. Siamo fortunati che possiamo stare a casa con la famiglia e fare cose che magari non possiamo godere normalmente. È una prova di responsabilità, senso civico e rispetto. Stiamo a casa e facciamolo con la giusta attenzione».

Messaggio finale di Pioli: «Saluto con un abbraccio affettuoso tutti i nostri tifosi. Auguro che le cose possano andare bene a tutti e che le cose possano migliorare velocemente. Spero che ci potremo rivedere a San Siro, sarà un momento di grande entusiasmo e partecipazione. I nostri tifosi ci hanno dato sempre calore e affetto unici».