Almstadt-Moncada, c’è anche la loro firma dietro Hernandez-Rebic

Milan, attenzione a Hendrik Almstadt e di Geoffrey Moncada. 007 preziosi abituati a operare nel buio, sono destinati a diventar ancor più importanti in vista dell’ennesima rivoluzione interna. 

Rude Krunic, Ante Rebic e Theo Hernandez (©Getty Images)

Mentre il Milan abbraccia volti nuovi come Alex Rasmussen, ci sono altre figure destiate a rinvigorirsi ulteriormente dopo l’ennesima rivoluzione targata Elliott. Si tratta del tedesco Hendrik Almstadt e del francese Geoffrey Moncada, già importanti per la proprietà milanista e destinati a diventarlo ancor di più con una sorta di promozione.

Il primo, ex Ds dell’Aston Villa e con un passato all’Arsenal dove ha conosciuto Ivan Gazidis, si occupa principalmente di analisi riguardo i giocatori nel mirino per possibili acquisti. E se ne occupa sia strettamente sul piano tecnico che quello economico-finanziario. Il secondo, invece, sbarcato in rossonero a soli 31 anni dopo aver lavorato al Monaco, è il capo dello scouting.

Almstadt e Moncada, evidenzia La Gazzetta dello Sport oggi in edicola, sono due figure poco conosciute ma decisamente molto preziose nella macchina rossonera. Le analisi stilate durante la stagione, infatti, le quali nascono da una rete densa di osservatori in giro per il mondo. Forniscono ai responsabili dell’area tecnica una base di potenziali talento da Milan dai quali ripartire per tracciare le linee guida della società.

Ed è anche grazie al loro lavoro che sono arrivati giocatori come Tiémoué Bakayoko, divenuto poi centrale nella stagione 2018-19, o come Theo Hernandez e Ante Rebic giunti in estate e diventati poi fondamentali. Ad avallare gli affari e a seguire le trattative in prima persona, ovviamente, sono stati i responsabili dirigenziali. Dietro i riflettori, però, si sono mossi anche e soprattutto Almstadt e Moncada. I quali, chissà, presto potrebbero non limitarsi più a operare nell’ombra.

LEGGI ANCHE: MILAN, SUSO ANNUNCIA LA SUA DECISIONE