Ambrosini: “Scontri normali, serve chiarezza”

Parla Massimo Ambrosini. L’ex centrocampista – intervenuto in una diretta Instagram di Luca Serafini – ha analizzato i problemi societari del Milan

Massimo Ambrosini (©Getty Images)

Massimo Ambrosini parla dei problemi societari che hanno colpito il Milan. Dopo solo pochi mesi è arrivato l’addio di Boban e in estate potrebbe toccare a Paolo Maldini.

L’ex centrocampista – intervenuto in una diretta Instagram del giornalista Luca Serafini – si è così espresso: “La sensazione è che non ci fosse un’unità di intenti tra la dirigenza e poi è diventato chiaro che non si capiva chi dovesse prendere certe decisioni. In una società ci vuole chiarezza per capire chi debba prendere la decisione finale”.

Scontri all’interno della società sono normali secondo Ambrosini: “Che il proprietario possa indirizzare una determinata linea societaria è qualcosa che comprendo ma secondo me andava chiarito chi all’interno della società aveva il potere di prendere le decisioni.

Se una persona viene chiamata per coprire un determinato ruolo e poi si ritrova un’altra persona a prendere decisioni al posto suo, si creano degli scontri”.

LEGGI ANCHE: MILAN, ARRIVA IL RINNOVO