Milan, Calhanoglu cambia agente e punta al rinnovo 

Milan, Hakan Calhanoglu è in bilico col contratto in scadenza nel 2021. Ma come riferisce il CorSport, il Diavolo è la priorità assoluta del turno. Tanto che… 

Hakan Calhanoglu

Milan, Hakan Calhanoglu punta al rinnovo contrattuale. Lo riferisce il Corriere dello Sport oggi in edicola. Di fronte a un bivio considerando il contratto in scadenza nel 2021, il numero 10 rossonero, malgrado gli alti e i bassi di questi anni, è propenso nel proseguire la sua avventura con la maglia del Diavolo.

E per riuscirci, il talento turco ha anche cambiato procuratore. Da qualche settimana, infatti, Calhanoglu si è affidato alla ISMG internatonal di Gordon Stipic, agente molto potente soprattutto in Germania e in generale in Europa. E lo ha fatto per accelerare le pratiche per il rinnovo o in alternativa valutare le possibilità che ne verranno dal mercato tedesco.

Milan, Calhanoglu verso la conferma

Ma la priorità di Calhanoglu sarebbe appunto una permanenza in rossonero. E con un ingaggio da 2.5 milioni a stagione, si accontenterebbe di un contratto di quattro anno mantenendo le stesse cifre che rientrano perfettamente nel tetto salariale del club. Al netto di tutto ciò, e in vista della rivoluzione pronta in mediana, le possibilità di permanenza – riferisce il CorSport – sono alte.

Calhanoglu, infatti, ha più chance di restare rispetto a Frank Kessie e il deludente Lucas Paquetá verosimilmente in uscita. Con Lucas Biglia e Giacomo Bonaventura praticamente già ai saluti, l’ex Bayer Leverkusen potrebbe di fatto diventare l’altro intoccabile insieme a Ismael Bennacer e probabilmente anche il meno quotato Rude Krunic.

Anche l’approdo di Ralf Rangnick spingerebbe verso una sua conferma. Lo stesso tecnico tedesco che anni fa, in una sessione invernale, insistette non poco per averlo al Lipsia a gennaio, salvo poi saltare tutto per il veto irremovibile di Gennaro Gattuso. Tutto, quindi, sembra convergere verso un nuovo capitolo milanista.

LEGGI ANCHE: GIAMPAOLO, IL FRATELLO: “AL MILAN UN ESONERO ASSURDO”