Milan, caccia ai talenti: già 8 nomi nel mirino 

Milan, occhi sui talenti under 25. E come rivela Tuttosport oggi in edicola, in attesa di Ralf Rangnick e che il nuovo Diavolo prenda forma, ci sono già 8 gioielli interessanti sulla lista dei rinforzi. 

Noussair Mazraoui (©Getty Images)

Milan, oltre il budget mercato c’è pronta anche la lista rinforzi. Come infatti riferisce Tuttosport oggi in edicola, in attesa dell’approdo effettivo di Ralf Rangnick e di tutti gli sviluppi attesi, la società ha già una serie di nomi pronti su cui puntare per l’estate.

La base sarà ovviamente under 25, ma al contempo non c’è una chiusura totale ai giocatori superiori a quest’età. Anzi: tutto dipende dal rapporto qualità prezzo. Non solo del cartellino, ma soprattutto dello stipendio.

Milan, ecco i talenti nel mirino

E puntare sui giovani, in ogni caso, non significherà prendere quelli sprovveduti o acerbi. Tutt’altro come si evince dai nomi monitorati. Ovvero Sandro Tonali del Brescia, Samuele Ricci dell’Empoli, Teun Koopmeiners dell’AZ Alkmaar, Luis Florentino del Benfica, Noussair Mazraoui dell’Ajax, Dominik Szoboszlai del Salisburgo, Gianluca Scamacca dell’Ascoli e Jonathan David dell’Gent.

Alcuni di questi sono dei potenziali predestinati, altri meno ma sono tutti giocatori sicuramente pronti e maturi rispetto a tanti altri coetanei del mondo del calcio. Si andrà dunque su questa linea per quanto riguarderà gli acquisti estivi, con l’obiettivo di abbassare ulteriormente il monte ingaggi finora già ridotto.

Fondamentale, alla base dell’intero mercato, saranno poi le plusvalenze. Non solo perché metà del ricavato delle cessioni si aggiungerà al budget stanziato, ma anche per sanare i conti in rosso del bilancio. Perché anche questa sarà un grosso obiettivo aziendale considerando l’occhio ancora vigile edll’UEFA.

Dunque – evidenzia Ts – non ci si dovrà meravigliare se il Milan dovesse cercare di effettuare un grosso surplus anche a malincuore. E in tal senso il nome di Gianluigi Donnarumma resta l’unico a garantire una tale opportunità.

Si tratterebbe, tra l’altro, di una piena e totale plusvalenza trattandosi di un talento del settore giovanile. Altrimenti, la via è trovare ossigeno attraverso una serie di micro-plusvalenze che darebbero comunque una spinta importante ai conti del club. L’equilibrio perfetto tra campo e bilancio: è questo l’obiettivo di Elliott.

LEGGI ANCHE: MILIK, L’ANNUNCIO DELL’AGENTE SUL FUTURO