Milan, possibile qualificazione europea se salta la Serie A

Milan, possibile qualificazione automaticamente in Europa se saltasse la Serie A: lo riferisce La Gazzetta dello Sport oggi in edicola. Ecco come funzionerebbe, a quel punto, il criterio di assegnazione. 

Zlatan Ibrahimovic e Ante Rebic nel derby (©Getty Images)

Se il campionato oggi si fermasse, il Milan potrebbe qualificarsi automaticamente in Europa. Ovviamente in quella minore dati gli sviluppi del campionato, ma sarebbe uno scenario comunque altamente probabile come riferisce La Gazzetta dello Sport oggi in edicola.

Il rischio che prenda forma tale situazione – evidenzia il quotidiano – è concreto. L’UEFA ha fatto la voce grossa a tal proposito, ma al momento è costretta a piegarsi a esigenze di forza maggiore e decisioni governative. E allora via al piano B: una “classifica di merito” per le qualificate alle prossime competizioni europee.

Milan in Europa League se salta il campionato?

E se questo accadesse davvero in Serie A, a oggi ci sarebbe uno ‘spareggio’ Verona-Milan per l’ultimissimo posto in Europa League. La Uefa chiederebbe i seguenti criteri per l’assegnazione: merito sportivo, obiettività, trasparenza e non discriminazione. Si conterebbero dunque i risultati in corso e non il ranking storico o il blasone generale. E in Italia, tutto sommato, ci sarebbe di fatto solo il 7° posto da discutere in termini di qualificazioni.

Ci potrebbero essere due criteri di valutazione: quoziente punti/partite e la classifica della 25a giornata, poiché tutti hanno giocato almeno 25 partite. Con il primo fattore, in Champions sarebbero qualificate Juve (63 punti/26 partite, 2,42 di quoziente), Lazio (62/26, 2,38), Inter (54/25, 2,08) e Atalanta (48/25, 1.92). In Europa League ci sarebbero di sicuro Roma (45/26, 1,73) e Napoli (39/26, 1,50) e andrebbe appunto discusso per l’ultimissimo posto.

Il verdetto dipenderà dal criterio di assegnazione scelto

A tal proposito il meglio piazzato è il Milan con 36 punti, seguono poi Verona e Parma a 35 ma con una gara in meno. Ma il coefficiente partite stravolgerebbe l’ordine attuale: Verona e Parma passerebbero davanti con 1,40, rossoneri dietro con 1,38. I veneti, in particolare, sarebbero in vantaggio anche sui ducali per la differenza reti. Tenendo invece conto – come proporrebbe la Lega di A – dell’ultimo turno completo, la qualificazione andrebbe al Diavolo in virtù del 7° posto.

Ma va anche considerata la situazione della Coppa Italia. Perché la settima si qualifica solo se non arriva la vincente del trofeo nazionale, torneo ancora non annullato. Da una parte c’è da giocare Napoli-Inter e dall’altra Juventus-Milan. Se si giocasse e i rossoneri dovessero spuntarla, a quel punto ci sarebbero zero dubbi: Milan in Europa League e anche nella fase a gironi, Napoli ai preliminari e Verona fuori. Altrimenti l’ordine sarebbe appunto Roma, Napoli e Verona o Milan a seconda del criterio.

Come evidenzia il quotidiano, ogni campionato potrà decidere autonomamente nel caso di consegna di una classifica finale. Ma l’Uefa ha l’ultima parola sulle liste d’accesso alle coppe, e questa potrebbe anche opporsi a una squadra iscritta per meriti non sportivi oppure se «esista una percezione pubblica di ingiustizia nella qualificazione».

LEGGI ANCHE: SEGUI IN DIRETTA VIDEO L’AMICHEVOLE DI IBRAHIMOVIC