Milan-Ibrahimovic, addio probabile. E la Serie A lo tenta

Milan, Zlatan Ibrahimovic va dritto verso l’addio: lo ribadisce anche La Gazzetta dello Sport oggi in edicola. L’addio di probabile di Maldini, e non solo, spinge lo svedese verso il saluto finale. 

Ibrahimovic Milan domanda offerta
Zlatan Ibrahimovic (©Getty Images)

Zlatan Ibrahimovic e il Milan, addio in vista. Come infatti riferisce anche La Gazzetta dello Sport oggi in edicola, è sempre più probabile l’addio tra il 38enne svedese e il club rossonero dato l’evolversi della situazione.

L’avventura del campione scandinavo – come riferito anche ieri da SkySport – è destinata quindi a durate appena sei mesi in virtù del caos interno e delle tante vicissitudini annesse.

Milan, Ibrahimovic verso l’addio

Come riferisce il quotidiano, Ibra è perplesso. Man mano, infatti, sta diminuendo la voglia di proseguire in rossonero mentre sale quella di tornare in Svezia e chiudere la carriera con l’Hammarby, club di cui ha acquistato una quota in tempi non sospetti.

Tra le incertezze legate al coronavirus e quelle progettuali relative a Ralf Ragnick, la voglia di Diavolo che lo aveva portato con entusiasmo a Milanello lo scorso gennaio sta sfumando sempre di più.

L’addio dei suoi riferimenti, tra gli altri motivi, anche lo spingono verso una separazione. Perché dopo l’ex Cfo Zvonimir Boban, licenziato in un modo mai gradito dal fuoriclasse di Malmo, ora anche il Dt Paolo Maldini è destinato ai saluti.

Così come pure Stefano Pioli, il quale, nonostante tutto, dovrebbe essere accantonato per far spazio proprio Rangnick. E Ibrahimovic non ha dubbi: senza punti di riferimento, non resterà. Al di là di qualsiasi eventuale progetto o promesse.

Attenzione però anche a un clamoroso colpo di scena. Perché come riferisce la rosea, un addio al Milan non significherebbe necessariamente anche un saluto alla Serie A. Proseguire in Italia, anzi, può essere un’opportunità.

Altre società, infatti, lo avrebbero già contattato e non è detto che Zlatan non si lasci tentare. Sarebbe nel caso uno smacco enorme per il Milan. Una beffa clamorosa. L’ennesima.

LEGGI ANCHE: THIAGO SILVA, CLAMOROSA APERTURA DELL’AGENTE