Milan, occasione Kouassi: arriverebbe a parametro zero 

Milan, occhi su Tanguy Kouassi del Paris Saint-Germain per la difesa. Si tratta di un possibile colpo a parametro zero per il club rossonero. E potrebbe esserci un aiutante nella trattativa: Thiago Silva. 

Tanguy Kouassi (©Getty Images)

Manager tedesco, mercato francese. Come infatti riferisce il Corriere dello Sport oggi in edicola, sarà una sessione prevalentemente transalpina quella che verrà a breve per il Milan pronto a una nuova rivoluzione.

Con Ralf Rangnick si guarderà sempre più all’estero e alle occasioni internazionali, e il Diavolo potrebbe affondare le radici in quella Ligue 1 già conclusa e dove molte società saranno costrette a vendere i propri gioielli a prezzi scontati.

Milan, occhi su Tanguy Kouassi del PSG

A tal proposito Geoffrey Moncada, il talent scout franco-rossonero, ha studiato parecchio durante la quarantena e ha già aggiornato il proprio data-base con una serie di talenti gallici. E ce ne sarebbe uno in particolare sulla sua lista: Tanguy Kouassi del Paris Saint-Germain, una potenziale colpo a parametro zero considerando anche la scadenza di contratto di quest’estate.

Classe 2002, ha esordito in campionato e in Champions League proprio quest’anno. Cresciuto nel settore giovanile parigino, non ha ancora compiuto 18 anni ed è noto per il talento e per una doppietta realizzata quest’anno contro l’Amiens per un finale 4-4 spettacolare.

Di piede destro e ben strutturato fisicamente grazie ai suoi 187 centimetri, è dotato di una buona tecnica di base e si è distinto soprattutto per lo stacco aereo. Kouassi potrebbe avere un maestro che potrebbe spingerlo in rossonero: Thiago Silva. Il difensore brasiliano, riferisce il quotidiano, potrebbe infatti fare da intermediario e indirizzarlo verso l’ambiente milanista.

Il difensore, intanto, insieme al suo agente, stanno già cercando la miglior soluzione per poter crescere e accumulare minutaggio e tra le opzioni più accreditate c’è proprio il Milan. La richiesta di ingaggio, considerando un percorso professionale da poco avviato, non sarebbe insostenibile.

LEGGI ANCHE: MILAN, ARRIVA LA CONFESSIONE DI ANDRE’ SILVA