Milan-Parma 3-1, pagelle e tabellino: Kessie straripante, Leao non incide

Il Milan torna a vincere dopo il pari contro il Napoli. È la quinta vittoria nelle ultime sette partite. Kessie, Romagnoli e Calhanoglu ribaltano l’iniziale vantaggio di Kurtic. Agganciati i partenopei in classifica.

Pagelle Milan Parma Kessie
Franck Kessie (Getty Images)

PRIMO TEMPO: Nel primo tempo la squadra di Pioli gestisce per larga parte il possesso palla, ma non riesce a trovare lo spunto per far male al Parma. L’occasione più grande è un colpo di testa di Romagnoli che scheggia la traversa e poco più. Pericoloso anche Kessie sempre di testa, ma non riesce a centrare la porta di un soffio. Il Parma si limita al contropiede ed è su un fraseggio rapido tra Grassi, Gervinho e Kurtic che arriva la rete dello sloveno al 43′

SECONDO TEMPO: Nella ripresa la trama sembra la stessa. Milan che fa girare il pallone e Parma che riparte e sfrutta le indecisioni rossonere. I rossoneri però sono più incisivi e al 54′ trovano un gol meraviglioso con Kessié, mentre cinque minuti più tardi ribaltano la gara con Romagnoli di testa. Il Parma ha l’occasione del pari al 73′ con una discesa personale di Kulusevski che colpisce la traversa. Un minuto dopo gli emiliani tornano a far male con Gervinho che serve in area Inglese, ma Donnarumma si oppone. Il Milan al 73′ trova il 3-1 con Calhanoglu con il destro dal limite dell’area, ben servito da Bonaventura.

Milan-Parma, voti e tabellino

Marcatori: 43′ Kurtic, 55′ Kessie, 59′ Romagnoli, 76′ Calhanoglu.

Ammoniti: 32′ Grassi, 33′ Conti, 65′ Darmian

Espulsi: /

MILAN (4-2-3-1): Donnarumma 6 ; Conti 5.5 (dal 45′ Calabria 6), Kjaer 6 , Romagnoli 6,5, Theo Hernandez 6; Kessié 7, Biglia 5; Leao 5, Bonaventura 6,5, Calhanoglu 7; Ibrahimovic 6. All. Pioli

PARMA (4-3-3): Sepe 6; Darmian 5, Iacoponi 4,5, Bruno Alves 6 (dal 45′ Dermaku 5,5), Gagliolo 5,5; Grassi 6 (dal 62′ Hernani 5,5), Brugman 6 (dal 62′ Inglese), Kurtic 6,5; Kulusevski 5,5 , Cornelius s.v. (dal 14′ Karamoh 5,5, dal 81′ Caprari s.v.), Gervinho 6.5. All. D’Aversa

Milan-Parma 3-1, le pagelle

Donnarumma 6: doveva riscattarsi dopo la prova negativa contro il Napoli. Non ha particolare colpe sul gol di Kurtic e quando viene chiamato in causa si fa trovare pronto. Ottima la parata su Inglese nel secondo tempo.

Conti 5,5: non ha un cliente facile, dovendo marcare prima Gervinho e poi Karamoh. Li contiene a fatica e non eccelle particolarmente neanche sul fronte offensivo, complice anche l’ammonizione. Proprio il cartellino giallo lo porta alla sostituzione. (dal 45′ Calabria 6: il terzino si limita a contenere gli attacchi del Parma, senza salire molte volte in attacco a pennellare cross).

Kjaer 6: contenere Gervinho, passato centravanti dopo l’uscita di Cornelius, non è mai facile. Non riesce a fermarlo nell’azione del gol e sembra indeciso in molte occasioni. Nel giorno dell’ufficialità del riscatto dal Siviglia, non la migliore prestazione da quanto veste la maglia del Milan.

Romagnoli 6.5: sul gol del Parma non marca bene Kurtic, meglio nell’area avversario. Nella prima frazione sfiora il gol, scheggiando la traversa di testa, segna la rete del 2-1 con un colpo di testa sugli sviluppo di un corner.

Theo Hernandez 6: quando sale in avanti è sempre una spina nel fianco del Parma, ma quando viene attaccato lascia spazio alle scorribande degli emiliani. Sulla sua corsia nasce il gol del vantaggio dei gialloblù con un veloce scambio tra Gervinho, Grassi e Kurtic (dal 79′ Laxalt s.v.)

Kessie 7: si conferma l’uomo più in forma del Milan. Va vicino al vantaggio con un colpo di testa nel primo tempo, nella ripresa segna il gol del pareggio con un missile dalla distanza. Ritrovato.

Biglia 5: torna titolare dopo 10 mesi, ma non convince. Poco nel vivo del gioco, non si fa vedere praticamente mai in impostazione. La storia rossonera sembra proprio ai titoli di coda (dal 56′ Bennacer 6,5: l’ex Empoli si posiziona nel suo ruolo e riesce subito a mettere ordine nel centrocampo rossonero)

Leao 5: impiegato sulla destra, non incide praticamente mai. Le qualità non si discutono, ma deve svoltare per trovare una continuità che ancora non dimostra. (Dal 61′ Rebic 6: il croato non riesce mai a trovare lo spunto per far male e si limita al contenimento del suo uomo).

Bonaventura 6,5: Si posiziona dietro Ibrahimovic cercando di rifinire le manovre offensive. Si muove tanto, ma non incide molto. Trova un ottimo assist per il gol di Calhanoglu.

Calhanoglu 7 partita diligente e intelligente per il turco, che si muove più che altro in fase di contenimento delle scorribande del Parma, cercando di muoversi da registra arretrato. Sembra essere la vera anima del Milan. Trova il gol del 3-1 con un destro fulminante (dall 80′ Krunic s.v.)

Ibrahimovic 6: viene servito poco e male, ma si abbassa spesso per cercare di costruirsi palle gol. Ci mette come sempre tutto se stesso, ma non riesce a far male al Parma.

Pioli 6.5:  il tecnico rossonero si conferma artefice di una squadra ben consolidata e con un’ottima mentalità, in grado di non abbattersi mai. Anche la partita con il Parma dimostra la mano del tecnico, una gara dove si è visto un Milan ben disposto tatticamente e che non molla mai.

Alex Baldarelli