Gravina: “Sono preoccupato. Protocollo Serie A impraticabile”

Il presidente FIGC Gabriele Gravina ha lanciato l’allarme: il protocollo sanitario per il calcio deve assolutamente cambiare.

Gravina preoccupato protocollo
Gabriele Gravina (©Getty Images)

C’è preoccupazione per l’avvio della stagione 2020-2021 di Serie A. Lo ha ammesso il presidente FIGC Gabriele Gravina, che in un’intervista odierna non ha nascosto di essere in ansia soprattutto dal punto di vista sanitario.

Come riportato a GR Parlamento quest’oggi, Gravina è perplesso sul protocollo da attuare anche nel prossimo campionato: “Sono molto ma molto preoccupato per la prossima stagione. Le squadre dovranno cominciare tra non molto i raduni e siamo in grandissimo ritardo nella conoscenza
delle nuove procedure da seguire”.

Il numero uno del calcio italiano in particolare è scettico sui tamponi da far eseguire ai calciatori: “Questo protocollo ha dovuto tener conto dell’evoluzione dell’epidemia nel nostro paese e bisogna continuare a tenerne conto, ma bisogna anche essere realisti: lo abbiamo applicato in una situazione di emergenza per un brevissimo periodo di tempo, ma immaginare di continuare ad applicarlo sino alla fine della prossima stagione sportiva, con tamponi ogni 4 giorni, è impossibile. Sarebbe una violenza fisica verso i giocatori. Bisogna trovare delle altre soluzioni”.

LEGGI ANCHE -> IBRAHIMOVIC, RITORNO IN POMPA MAGNA A MILANELLO