Milan, l’ingaggio di Ibrahimovic non peserà: il motivo

L’impatto dei 6 milioni netti che Zlatan Ibrahimovic percepirà dal Milan nel 2020-2021 non è così pesante come sembra nel bilancio rossonero.

Bilancio Milan Ibrahimovic
Zlatan Ibrahimovic (©Getty Images)

L’ingaggio di Zlatan Ibrahimovic non peserà sulle casse del Milan. Sembra un paradosso, ma è proprio così.

Lo svedese firmerà a breve il rinnovo a 6 milioni netti di stipendio per la stagione 2020-2021. Non sono esclusi anche alcuni bonus riguardanti i risultati di squadra e i traguardi individuali.

Come riporta il cronista Nicolò Schira su Twitter, il Milan ripagherà direttamente tale ingaggio esoso grazie alla cessione di due calciatori. Due riserve ormai già lontane dai progetti rossoneri.

Si tratta di Lucas Biglia e Pepe Reina. L’argentino, già svincolatosi a fine campionato, percepiva 3,5 milioni netti a stagione. Un bel risparmio per il Milan, così come per i 3 netti di stipendio del portiere, sempre più vicino al passaggio al Valencia.

I 6,5 milioni netti stagionali risparmiati da queste due operazioni in uscita saranno dunque utili per ricompensare il rinnovo di Ibrahimovic. Nessun impatto pesante o deleterio sul bilancio del Milan, visto che il club anche nel recente passato ha lavorato per abbassare il monte-ingaggi, soprattutto con le recenti cessioni di Suso e Piatek.

LEGGI ANCHE -> CORREA TORNA DI MODA PER IL MILAN