Maldini multato dalla Procura: non indossava la mascherina

Multa in arrivo per Paolo Maldini e per il Milan: colpa di una mascherina non indossata dal dirigente a margine di una gara.

Maldini multato
Paolo Maldini (©Getty Images)

La Procura Federale ha multato Paolo Maldini e l’A.C. Milan, per il mancato rispetto dei protocolli anti-Covid.

Nonostante il club rossonero sia tra quelli più attivi per arginare l’emergenza sanitaria e fornire aiuti a coloro che la combattono sul campo, arriva una sanzione per via di una distrazione di qualche mese fa.

A margine di Lazio-Milan del 4 luglio scorso Maldini e il team manager Andrea Romeo sarebbero entrati a contatto con la terna arbitrale, come da prassi, ma senza indossare la mascherina d’ordinanza. Inoltre entrambi sarebbero entrati nello spogliatoio arbitri dell’Olimpico nonostante fosse vietato post-sanificazione.

Una mancanza che costerà a Maldini una salata multa da 9 mila euro. Lo stesso Milan dovrà corrispondere alla FIGC, per responsabilità oggettiva, ben 3 mila euro di sanzione.

  • PAOLO MALDINI, Dirigente area tecnica dell’A.C. Milan S.p.A., in violazione dell’art. 4, comma 1, del Codice di Giustizia Sportiva e di quanto previsto dal C.U. n. 210/A FIGC dell’8 giugno 2020 in caso di “Mancata osservanza dei Protocolli Sanitari”, per essere entrato nello spogliatoio Arbitri, in occasione della gara Lazio – Milan del 4 luglio 2020, pur essendo l’ingresso consentito, dopo la sanificazione, solo agli arbitri designati alla gara e vietato “a qualunque altro tesserato, tecnico o operatore” (cfr. “Indicazioni generali per la pianificazione, organizzazione e gestione delle gare di calcio professionistico in modalità “a porte chiuse”, finalizzate al contenimento dell’emergenza epidemiologia da COVID-19”), e per non aver indossato, durante il colloquio con l’arbitro dell’incontro in esame, la mascherina (DPI), con ciò mettendo a rischio la salute dell’arbitro e dei suoi assistenti;

LEGGI ANCHE -> MILAN, MOVIMENTI IMPORTANTI PER LA DIFESA