Theo Hernandez, un club ci ha provato: il retroscena

Qualche richiesta per Theo Hernandez il Milan l’ha ricevuta nei mesi scorsi, in particolare una società straniera si è fatta avanti per il terzino rossonero.

Theo Hernandez tentativo PSG
Theo Hernandez (©Getty Images)

Ben presto si è capito che l’acquisto di Theo Hernandez aveva rappresentato un grande affare per il Milan. Ci ha messo poche partite il terzino sinistro francese per convincere tutti. 20 milioni di euro spesi benissimo.

In casa Real Madrid sicuramente qualche rimpianto, ma evidentemente nessuno lì si aspettava una crescita del genere del giocatore. Il suo potenziale è stato sottovalutato, mentre il club rossonero ci ha creduto fortemente nonostante lo scetticismo di qualcuno anche in Italia. 7 gol e 5 assist nelle 36 partite disputate nella sua prima stagione in Italia.

Calciomercato Milan, il PSG voleva Theo Hernandez

Ovviamente il rendimento di Theo Hernandez non è passato inosservato alle big europee. In particolare una si è fatta avanti per sondare la possibilità di imbastire una trattativa: il Paris Saint-Germain. Ma, come rivelato dal giornalista sportivo Fabrizio Romano a calciomercato.com, il Milan ha respinto in modo netto qualsiasi tentativo.

La società di via Aldo Rossi ritiene il terzino francese fondamentale e incedibile. Lo stesso giocatore si è detto felice di giocare a Milano e non ha valutato altre opzioni per la stagione 2020/2021. Ha più volte di vedersi a lungo con la maglia rossonera, convinto che la squadra possa tornare in Champions League. Crede nel progetto che gli è stato esposto da Paolo Maldini quando lo convinse a firmare per il Diavolo.

Theo Hernandez ha già segnato un gol e regalato un assist in questa stagione, punta a migliorare i numeri di quella scorsa. Il prossimo impegno in calendario sarà il derby contro l’Inter e di fronte avrà un avversario tutt’altro che comodo sulla fascia: Achraf Hakimi. Sarà interessante il duello tra i due ex Real Madrid.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> Milan, da Kessie a Romagnoli: i contratti in scadenza nel 2022