Pioli: “Milan diverso con lo Sparta”. Krunic: “Grazie Maldini”

Stefano Pioli e Rade Krunic hanno parlato in conferenza stampa alla vigilia di Milan-Sparta Praga, importante match di Europa League.

Stefano Pioli conferenza stampa
Stefano Pioli (foto AC Milan)

Il Milan ha archiviato il rocambolesco pareggio di campionato contro la Roma ed è pronto a sfidare lo Sparta Praga in Europa League. Domani a San Siro importante partita della seconda giornata della competizione europea.

La squadra rossonera dovrà fare ancora meno di Gianluigi Donnarumma e Jens Petter Hauge a causa della recente positività al Covid-19. L’assenza del portiere campano pesa molto, anche considerando la poco brillante prestazione di Ciprian Tatarusanu nell’ultimo turno di Serie A. Ma il rumeno dovrebbe partire ancora titolare.

Pioli e Krunic in conferenza pre Milan-Sparta Praga

Dalle ore 14:00 in conferenza stampa parlano Stefano Pioli e Rade Krunic, che presenteranno la sfida di Europa League tra Milan e Sparta Praga. Noi di MilanLive.it seguiremo in diretta le loro dichiarazioni.

Inizia Krunic con i complimenti ricevuti da Paolo Maldini dopo la sessione di mercato, nella quale non è stato ceduto e ha ricevuto fiducia dal club: “Mi hanno fatto piacere le sue parole, sono molto contento. Ho parlato anche col mister e ha detto che conta su di me, significa tanto dopo una stagione con tanti infortuni. Non sono stato bravo come ci si aspettava, però hanno creduto in me perché posso dare tanto al Milan“.

Krunic sul ruolo in campo: “Mi piace giocare anche trequartista, l’ho fatto a Empoli. Il mio ruolo preferito è mezzala, ma in questo modulo non c’è. Penso di poter fare bene sia da mediano che da trequartista, seppur con caratteristiche diverse dagli altri giocatori. Per me vanno bene tutti i ruoli, sono a disposizione della squadra“.

Il centrocampista bosniaco sul rapporto con Pioli: “Il mister chiede il massimo a tutti. Sono un professionista, devo dare sempre il 100%. Lui ha fiducia in me, è stato importante il suo arrivo dato che all’inizio non giocavo. Mi ha dato spazio e se sono rimasto è anche merito suo. Faccio quello che mi chiede, poi spero gli piaccia quello che faccio“.

L’ex Empoli su che Milan-Sparta Praga si attende e le differenze col campionato: “Sarà un match difficile contro una squadra che non abbiamo ancora analizzato bene, lo faremo stasera e domani. La differenza è che non conosciamo bene le squadre estere che affrontiamo in Europa League, in Serie A invece sì. Ci stiamo preparando bene per il match, speriamo di vincere. Vogliamo salire a 6 punti nel girone subito“.

Krunic ancora sul ruolo di trequartista: “Mi piace, anche perché sono più vicino al gol. A Glasgow ho segnato, anche se non è la mia migliore caratteristica. Se c’è bisogno io sono disponibile in qualsiasi ruolo“.

Il giocatore rossonero nuovamente sullo Sparta Praga: “Abbiamo visto ancora poco, ma è una squadra intensa che mette tanto ritmo e non sarà facile affrontarla. Ci prepareremo al meglio“.

Tocca a Pioli,  che esordisce parlando del livello del girone della sua squadra: “Girone tosto e difficile, ci mette alla prova e ci dovrà confermare le nostre prestazioni. Abbiamo avversari di valori. Lo Sparta Praga ha vinto le sei partite di campionato e ha fatto una buona partita col Lille. Hanno recuperato energie, giocano un calcio moderno e con intensità. Sarà una gara complicata“.

Il mister del Milan va avanti rispondendo sull’umore nel post-match contro la Roma: “Giusto che ci sia amarezza, dobbiamo sempre ambire ad ottenere il massimo. La partita della Roma volevamo vincerla, siamo usciti dal campo con rimpianto. Ma siamo consapevoli di essere sulla strada giusta. Mentalmente è importante che i giocatori non siano completamente soddisfatti del risultato. Il nostro percorso deve vederci crescere continuamente“.

L’allenatore rossonero prosegue esprimendosi sulla formazione anti-Sparta Praga e il dialogo con Tatarusanu: “Qualche cambio ci sarà, stiamo spendendo tante energie fisiche e mentali. Con Tatarusanu ho parlato, però ho fiducia in lui e nei suoi compagni. I giocatori si devono aiutare e stimolare“.

Pioli sul mercato di gennaio: “Voi ci pensate, ma io e la squadra no. Abbiamo tante sfide da affrontare, ma sappiamo cosa migliorare se ci sarà la possibilità“.

Il tecnico milanista su Kessie e Theo Hernandez, che potrebbero riposare: “Neanche i giocatori sanno la formazione. C’è l’allenamento di oggi e la rifinitura di domattina. Sto valutando. Dalot? Sicuramente può giocare sia a destra che a sinistra“.

Poi Pioli risponde sulla condizione di Zlatan Ibrahimovic: “Farò valutazioni opportune, dopo lo Sparta avremo un’altra partita importante contro l’Udinese. Non chiederò a lui, perché vuole giocare sempre come i compagni. Chi sceglierò si farà trovare pronto“.

L’allenatore commenta la nomina di Franco Baresi a vice-presidente onorario e l’importanza di avere figure come lui e Paolo Maldini: “Faccio i complimenti alla società per questa decisione. Baresi è un’icona, una leggenda, sa trasmettere i valori dei colori. Non vedo l’ora che venga a Milanello a parlare con me e con i giocatori. Più c’è gente che sa cos’è il Milan e meglio è per noi“.

Pioli ancora su modulo e turnover: “Metterò un Milan forte e competitivo domani, non mi piace parlare di turnover. Schiererò una squadra pronta contro un avversario che gioca un calcio moderno ed europeo. L’affronteremo al meglio“.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> Milan, stadio e Fair Play Finanziario: il punto di Scaroni e Gazidis