Shevchenko: “Milan da Scudetto. Ibrahimovic? Merita il rinnovo”

Il Milan ha speranza di vincere lo Scudetto, lo dice Andriy Shevchenko. L’ex bomber, oggi CT dell’Ucraina, elogia anche Zlatan Ibrahimovic.

Shevchenko Milan scudetto Ibrahimovic rinnovo
Andriy Shevchenko (©Getty Images)

Andriy Shevchenko ha iniziato la carriera da allenatore ed è il commissario tecnico dell’Ucraina. Sta ottenendo buoni risultati e uno dei suoi sogni per il futuro è quello di sedersi sulla panchina del Milan.

Intanto guarda la sua ex squadra da fuori e apprezza quanto sta facendo. Intervistato da La Gazzetta dello Sport, non esclude che il gruppo di Stefano Pioli possa puntare allo Scudetto: «Ha cominciato benissimo dopo aver finito benissimo, sono stagioni strane e bisogna vivere giorno per giorno, ma per come sta andando adesso certo che può puntare a vincere il campionato. Forse è presto per dirlo e l’importante è tenere i piedi per terra. Però davvero questa squadra ha lo spirito giusto e deve mantenerlo».

Shevchenko apre anche a un rinnovo del contratto di Zlatan Ibrahimovic, che nonostante i 39 anni è ancora un giocatore molto decisivo: «Perché no? Visto quello che sta facendo adesso, mi fiderei di lui. È un professionista eccellente e come ho sempre detto può giocare quanto vuole se ha le motivazioni per farlo. Mi pare che stia dimostrando di averne in quantità».

Sheva in generale  sta apprezzando tanto la squadra di Pioli, vede l’ambiente coeso e la concreta possibilità di fare risultati importanti: «Veder giocare questi ragazzi intorno a Ibrahimovic è così bello. Credo che Zlatan abbia trovato l’ambiente giusto per la sua maturità. È un giocatore più incisivo e il Milan fa bene a tenerselo stretto. È importante perché segna, ma anche perché crea per gli altri. Ibra e Pioli sono piloti straordinari, fidiamoci di loro. Allenatore, squadra, dirigenti. Tutti hanno lavorato bene, il Milan è diventato un’orchestra. È una squadra, è questo che mi piace».

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> Calciomercato Milan, conferme su Luka Sucic: il piano di Maldini