Milan-Verona, Pioli: “Meritavamo di vincere. Ibrahimovic? Dispiaciuto”

Stefano Pioli parole Milan Verona
Stefano Pioli (©Getty Images)

Stefano Pioli ha parlato ai microfoni di Sky Sport al termine di Milan-Verona, match valido per il settimo turno del campionato Serie A 2020/2021. Un 2-2 deludente della squadra, che ha mancato la chance di allungare in testa alla classifica.

Queste le prime parole del mister rossonero sulla partita di San Siro: «Giocare spesso con l’Europa League di mezzo è dispendioso, lo sapevamo. Udinese e Verona hanno avuto tutta la settimana per preparare le partite, noi ci arriviamo con meno riposo. Puntiamo comunque a migliorare rispetto alla prossima stagione, andando avanti più possibile in Europa».

Hanno visto Pioli e Ibrahimovic parlare dopo la partita, il tecnico spiega: «Era dispiaciuto perché potevamo vincere oggi. Il prossimo rigore forse lo tirerà Kessie. Ha bisogno di riposare, come tutti. Comunque stiamo crescendo e lavoriamo bene. Ovviamente volevamo vincere subito dopo il match col Lille, spiace. Diventano pesanti le disattenzioni su palle inattive, serve più attenzione e lavorare meglio. Abbiamo calciato oltre 20 volte oggi, poco da rimproverarci».

Non c’è somiglianza tra match con Lille e Verona, l’allenatore rossonero si esprime così: «Due partite completamente diverse con avversari differenti. Il Lille ci faceva giocare e ripartiva in contropiede, non siamo stati lucidi. Il Verona ci ha fatto giocare poco, avremmo meritato di segnare dei gol che non siamo riusciti a fare».

Il Milan sta subendo qualche gol di troppo e Pioli ritiene che serva sicuramente migliorare: «Spesso dipende dalla qualità e bravura degli avversari. Oggi abbiamo rischiato poco su situazioni di gioco. Una volta sola con Zaccagni che ha saltato Calabria. A volte ci sbilanciamo e non sappiamo compatti, però oggi abbiamo calciato in porta 25 volte e loro 4. Il Verona ha i suoi meriti, però noi abbiamo fatto la nostra partita e potevamo vincere».

Il mister rossonero pensa che la sua squadra abbia superato lo “shock” della sconfitta in Europa League: «Venivamo da una sconfitta, la prima dopo tanti mesi, e siamo andati subito sotto ma abbiamo avuto una reazione da squadra. Siamo una squadra forte. Juve, Inter e Napoli sono più forti di noi. C’è grande lotta con Lazio, Roma, Atalanta e Sassuolo. Il livello è alto anche in Europa. Il Lille oggi ha perso l’imbattibilità. Dobbiamo essere forti, i miei ragazzi lo sono. Siamo giovani, però anche maturi e consapevoli. Supereremo i momenti difficili. Siamo arrivati stanchi e serve riposo. Avremo 10 partite in 31 giorni dopo la pausa, stagione stimolante e faremo del nostro meglio».

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> DIRETTA LIVE | Milan Verona, risultato in tempo reale: tutti gli aggiornamenti