Gazzetta – Sparta-Milan, pagelle: Hauge illumina, Kalulu sorprende

Voti e pagelle de La Gazzetta dello Sport sulla squadra di Stefano Pioli dopo la partita Sparta Praga-Milan di Europa League 2020/2021.

Sparta Milan pagelle voti Hauge
Jens Petter Hauge (©Getty Images)

Nonostante la formazione infarcita di seconde linee, il Milan è riuscito a sconfiggere lo Sparta Praga in Repubblica Ceca. Un 1-0 che permette anche di chiudere in testa il gruppo H di Europa League.

Grande soddisfazione per Stefano Pioli, che ha avuto le risposte che voleva dal suo gruppo. Anche le “riserve” hanno fatto bene, dimostrando che possono dare il loro contributo quando vengono chiamate in causa per sostituire delle prime scelte.


Leggi anche:


Sparta Praga-Milan: pagelle della Gazzetta

La Gazzetta dello Sport ha stilato le pagelle di Sparta Praga-Milan e designato Jens Petter Hauge come migliore in campo. Il talento norvegese prende 7 per la perla regalata nell’azione del suo gol decisivo.

7 anche per Ciprian Tatarusanu, che ha fatto due interventi decisivi. Sorprende Pierre Kalulu (6,5), alla prima presenza ufficiale in rossonero e impiegato come difensore centrale invece che da terzino destro. Le gambe non tremano, l’ex Lione è attento e la sua prestazione è certamente positiva.

Anche Diogo Dalot e Sandro Tonali prendono 6,5. L’ex Porto si distingue soprattutto in fase offensiva, mentre in quella difensiva nel finale ha concesso un’occasione ai cechi e doveva prestare maggiore attenzione. Invece il numero del Milan conferma la propria crescita, prendendo per mano il centrocampo e guidando la squadra. Stesso voto pure per Samuel Castillejo, moto perpetuo sulla fascia destra.

Sufficienze per Andrea Conti, Leo Duarte, Rade Krunic, Daniel Maldini e Lorenzo Colombo. Unico sotto il 6 è Rafael Leao, al quale viene dato 5,5 perché con il suo ingresso combina poco. Vero che fa espellere un avversario, però ci si aspetta qualcosa in più in termini di produttività in fase offensiva. Comunque rimane positivo il fatto che sia rientrato dopo l’infortunio, ha messo minuti importanti nelle gambe.