Milan, Maldini: “Facciamo calcoli sul quinto posto. Perdere non sarebbe un dramma”

Prima del calcio d’inizio di Milan-Parma Paolo Maldini è stato intervistato da Sky Sport. Ecco le dichiarazione del Direttore tecnico dei rossoneri

Maldini Milan-Parma
Paolo Maldini (©Getty Images)

 

Paolo Maldini ha parlato prima del calcio d’inizio di Milan-Parma ai microfoni di Sky Sport. Subito un siparietto con Pirlo, reduce dal successo della sua Juve a Genova: “Ricordati la nostra telefonata quest’estate… Sono cose nostre. Se ci siamo messi d’accordo su primo e secondo posto? Quest’estate non sapevo nemmeno se fossi rimasto al Milan… L’ho chiamato per complimentarmi per il passaggio all’Under 23, e gli dissi: ‘Ma non è che stai andando ad allenare la prima squadra?’. Sono stato uni dei primi a saperlo”.

Vincono le inseguitrici – “Anche l’altra volta hanno vinto quelle che stanno dietro – prosegue Maldini – Sappiamo che se vinciamo stasera mettiamo la quinta in classifica a 7 punti, la Lazio a 12, l’Atalanta pure. Noi pensiamo a questo. E dovessimo perdere, cosa che capiterà prima o poi, non sarà un dramma. L’obiettivo è di continuare il lavoro che facciamo”.

Se il Milan vince stasera fa più punti quando il Milan vinse lo Scudetto: “Partire bene aiuta, quei Milan avevano delle certezze maggiori e una rosa super competitiva, più di questa”.

Se ci potrebbe essere il rischio che un giocatore pensi di poter correre un po’ meno: “Il rischio di diventare forte lo vogliamo correre. Abbiamo preso dei giovani con grande potenziale, dare a loro una mentalità vincente è uno dei nostri compiti e ci stiamo provando.

Il gruppo, in genere, trascina tutti gli altri. Ho avuto la sfortuna di essere al funerale di Paolo Rossi: quel gruppo al Mondiale, a distanza di 40 anni, è ancora forte. Quelle persone hanno creato qualcosa di speciale, in un gruppo ci sono tante cose speciali personali, era una prova di forza incredibile”