Gazzetta – Bologna-Milan, pagelle: Donnarumma show, bene Tomori

Come di consueto la Gazzetta dello Sport ha assegnato i voti ai calciatori del Milan dopo la gara vinta ieri pomeriggio.

Pagelle Bologna Milan
Donnarumma in Bologna-Milan (©Getty Images)

Solido, concreto, bravo anche a resistere agli assalti finali. Il Milan è tornato ieri a sfoggiare alcune delle sue qualità migliori contro il Bologna.

Un successo per 2-1 frutto del lavoro di squadra, soprattutto perché nei momenti difficili i ragazzi di Pioli sono stati abili a coprire gli errori altrui.

Come di consueto la Gazzetta dello Sport stamane ha pubblicato voti e pagelle assegnate ai calciatori del Milan dopo il match del Dall’Ara.


Leggi anche:


Le pagelle del Milan: Donnarumma al top, Tonali da rivedere

Tendenzialmente alti e positivi i voti concessi ai rossoneri scesi in campo ieri pomeriggio nell’insidiosa trasferta bolognese.

Il top è Gigio Donnarumma, autore di un vero e proprio show tra i pali. Due parate salvifiche in uscita nel primo tempo, un miracolo nel finale su Sansone ed un meritatissimo 7 in pagella.

Voto 7 anche per Rafael Leao, sempre più decisivo con le sue giocate individuali. Stesso punteggio per Ibrahimovic: sbaglia il rigore ma tutto il Milan si poggia sulla sua classe infinita.

Applausi anche per il debuttante Tomori: voto 6,5 conquistato grazie ai duelli imbastiti con personalità, nonostante qualche incertezza nel finale. Promosso l’inglese come Franck Kessie, ancora dominante a centrocampo. Torna ai suoi livelli pure Calabria, sempre arrembante.

Voto identico per l’altra nota lieta di giornata, ovvero Ante Rebic che torna al gol con furbizia e tempismo, ma da lui ci si aspetta sempre di più.

Sufficienza piena per tutti gli altri calciatori milanisti: da Bennacer, rientrato con personalità, fino a Theo Hernandez che corre come un treno ma perde un pallone sanguinoso nell’azione dell’1-2 del Bologna.

Bocciato invece Sandro Tonali: soltanto un 5 in pagella per il mediano, ancora alla ricerca della sua identità migliore. Difficile immaginarlo ancora titolare in futuro.