Krunic: “Giocare al Marakana è un sogno, ci mancano i tifosi”

Rade Krunic parla alla vigilia della gara di Europa League contro la Stella Rossa mostrando la sua ammirazione per il club serbo.

Rade Krunic (©Getty Images)

Stefano Pioli, in questa stagione, ha deciso di rilanciare la carriera di Rade Krunic dopo che il bosniaco era apparso lontano dal progetto durante la scorsa stagione. Per il bosniaco i minuti sono notevolmente aumentati, e l’adatto a giocare all’occorrenza sulla trequarti ha giovato all’esperienza rossonera del calciatore ex Empoli.

Proprio da treuqartista Rade ha trovato la sua prima rete ufficiale in rossonero, in Europa League al Celtic Park contri il Celtic Glasgow. Domani, in coppa, potrebbe toccare ancora a lui nel ruolo di vice Calhanoglu – complice l’assenza per infortunio di Brahim Diaz – ed è per questo che oggi si è seduto accanto a Stefano Pioli in conferenza stampa.


Leggi anche:


Le parole di Rade Krunic

Per Krunic giocare in Serbia è come giocare in casa: il centrocampista è nato nella città di  Foča, in Bosnia ma sotto la giurisdizione serba. Motivo per il quale il calciatore è tifoso della Stella Rossa di Belgrado, avversario domani dei rossoneri.

Il centrocampista racconta che giocare al Marakana di Belgrado per lui sia un sogno che si avvera, essendolo stadio che ha sempre sognato da bambino.

Le parole di Krunic a Sky sport:

Il mio sogno da bambino era quello di giocare per la Stella Rossa, ma al momento non ho mai avuto modo di giocarci, amo lo stadio Marakana e ho sempre sognato di giocarci. Per me tornare in Serbia è sempre emozionante. Anche se senza tifosi è sempre un po’ triste giocare, loro danno una carica immensa”.