Pioli: “Donnarumma deve restare. Ibra espulso? Ecco cosa mi ha detto”

Stefano Pioli
Stefano Pioli (©Getty Images)

Stefano Pioli ha parlato ai microfoni di Sky Sport dopo Parma-Milan, match della 30esima giornata del campionato Serie A 2020/2021.

Queste le prime parole del mister rossonero nel post-partita: «Partita delicata, volevamo dimostrare che vogliamo fare meglio rispetto a quanto visto con la Samp. Vittoria importante. Ci siamo un po’ incasinati la partita, però era fondamentale vincere».

Milan meglio in trasferta che a San Siro: «I numeri sono lì e testimoniano tutto, è qualcosa di strano. Non essendoci tifosi né in casa né fuori non dovrebbe cambiare. Comunque è importante la media punti, vogliamo tornare in Champions e quello è l’obiettivo. Dobbiamo superare avversari forti, ora pensiamo al Genoa».

L’espulsione di Zlatan Ibrahimovic: «Zlatan mi ha detto che ha discusso con l’arbitro senza mancargli di rispetto, non l’ha offeso. Come ultima cosa gli ha detto ‘non interessa quello che dico io?’. Peccato, la partita poi è cambiata. Ma i giocatori hanno messo determinazione e volontà per vincere».

Il riscatto di Fikayo Tomori: «La volontà mia e dell’area tecnica è chiara, Tomori ci sta dando soddisfazioni e ha qualità di velocità e uscita che ci migliorano. La nostra volontà è quella di confermarlo. Poi bisogna vedere i termini economici, a livello tecnico non si discute. Può darci tanto anche in futuro».

Quota punti Champions League: «75 potrebbero andare bene, però ce la stiamo giocando con squadre che possono vincere otto partite su nove. Non dobbiamo fare conti. Abbiamo pensato troppo al futuro forse, bisogna concentrarsi partita per partita così da arrivare magari a 80 punti, sarebbe importante».

Il rinnovo di Gianluigi Donnarumma: «A Gigio consiglierei di rimanere, il Milan è un top club. I nostri giocatori sono combattenti che non sono ancora vincenti ma che lavorano per diventarlo».