Tifosi allo stadio, il Governo rinvia tutto: le ultime news

Il Governo, in accordo con il Comitato Tecnico Scientifico, dovrebbe consentire l’ingresso dei tifosi negli stadi solamente da giugno; a Serie A conclusa ormai.

Tribuna San Siro (©Getty Images)

La Serie A 2020/2021 dovrebbe terminare senza la presenza di tifosi allo stadio. Se nei giorni scorsi sembrava esserci stata un’apertura per far entrare un numero limitato di supporter dal 1° maggio, oggi arriva un’indicazione differente.

Stando a quanto spiegato da Gazzetta.it, nella bozza del nuovo decreto legge viene fatto slittare al 1° giugno le riaperture degli impianti sportivi. L’ufficio sporto e la sottosegretaria Valentina Vezzali sperano ancora di poter evitare tale rinvio.

Se l’indiscrezione venisse confermata dai fatti, l’attuale campionato di Serie A si concluderebbe senza rivedere i tifosi negli stadi. Diverso il discorso, ad esempio, per i campionati A e A-1 di basket che saranno nel pieno dei playoff a giugno.

La norma dovrebbe prevedere che nelle regioni in zona gialla dal 1° giugno possa far entrare negli impianti sportivi un numero massimo di 1.000 spettatori per quelli aperti e di 500 per quelli chiusi. La capienza massima consentita è del 25%, ma comunque non si può superare i due limiti indicati come numero di persone ammesse.

Comunque dei tifosi di calcio allo stadio li rivedremo all’Europeo, che avrà anche l’Olimpico di Roma tra gli impianti che ospiteranno delle partite della competizione.