Milan, Calabria: “Rinnovo Ibra segnale forte. Dobbiamo vincerle tutte”

Davide Calabria ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni del canale ufficiale del Milan. Sono stati tanti i temi toccati dal terzino rossonero 

Davide Calabria
Davide Calabria (©Getty Images)

Il terzino rossonero, Davide Calabria è stato intervistato ai microfoni del canale ufficiale del Milan. Tante le sue dichiarazioni: dall’infortunio, al rinnovo di Ibrahimovic, sino al finale di stagione.

Queste i temi salienti dell’intervista a Calabria:


Leggi anche:


Sul recupero dall’infortunio al ginocchio: Ho lavorato tanto, ho passato un mese molto intenso per cercare di recuperare il prima possibile. Questa è la parte più importante della stagione, e per questo ho voluto rientrare nelle migliori condizioni”.

Sulle sue attuali condizioni fisiche: Mi sono sentito abbastanza bene, ma sento che mi manca un po’ di brillantezza nella lunga distanza. Però credo sia assolutamente normale dopo un infortunio e un intervento chirurgico”.

Sulla sua prestazione contro il Sassuolo: Mi sono concentrato molto sul lavoro che facevano in attacco, perchè hanno dei buoni giocatori. Rispetto a quello che ho sempre fatto ho cercato di gestirmi un po’ di più perché era da tanto tempo che non giocavo una gara intera”.

Sul rinnovo di Ibrahimovic :Il Milan sta cercando di tornare ad alti livelli, Zlatan ha ci aiutato molto, e continuare ad averlo in squadra penso sia di fondamentale importanza. Riesce sempre a trasmetterci il senso di sacrifico e lavoro. I dirigenti del Milan hanno sicuramente pensato a questo, ci ha dato tanto e può farlo ancora. Io e la squadra siamo concentrati sulla prossima stagione, e il suo rinnovo è stato un bel segnale dopo una giornata non perfetta”.

Sul difficile calendario del finale di stagione:Non penso molto al calendario duro e non duro, tutte le partite sono toste. E soprattutto non ci sono gare scontate, devi essere bravo tu ad indirizzarle nel verso giusto, se riesci a farlo poi è molto più semplice chiuderle. Nella gara contro il Sassuolo dovevamo essere più bravi a farlo. Sono gare difficili anche con scontri diretti, ma siamo soltanto noi i padroni del nostro destino. Negli ultimi anni non abbiamo mai avuto questa possibilità, non possiamo farcela scappare”.

Sulla situazione della classifica: Dobbiamo concentrarci e pensare positivo fino alla fine del campionato, sarebbe da stupidi buttare via tutto, dobbiamo crederci perché squadra ha le potenzialità di rimanere in alto. Lavoreremo fino all’ultimo minuto per rimanere lì dove siamo”.

Su cosa è andato storto contro il Sassuolo: “Ci sono più partite all’interno di una gara. Loro sono entrati molto bene, e noi dovevamo chiuderla prima, essere più brillanti negli ultimi metri. Il Sassuolo ci ha lasciato tanti contropiedi che non abbiamo sfruttato al meglio. Non possiamo più permetterci più questi passi falsi, dovremo lottare fino alla fine”.

Sulla squadra in generale: Siamo una grande squadra, abbiamo un gran potenziale, e non a caso abbiamo fatto delle prestazioni importanti. Dobbiamo pensare di essere in grado di vincerle tutte. La Lazio è sicuramente una grande squadra, e non sarà facile, hanno grandi giocatori però penso che noi non siamo da meno. Dobbiamo dimostrare che siamo giocatori da Milan e che se vogliamo arrivare in alto dobbiamo lottare con i denti”.